bonus mobili 2018

Anche per il 2018 il bonus mobili ed elettrodomestici è stato confermato. Chi ne ha diritto? E quali documenti occorre presentare per ottenere questo incentivo fiscale?

Il bonus, sotto forma di detrazione Irpef, copre l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ purché siano destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

La cifra massima che si può portare in detrazione è pari a 10.000 euro e comprende anche le spese di trasporto e montaggio. Il bonus viene ripartito e ottenuto in dieci quote annuali di pari importo. Ciò significa che lo recupereremo in 10 anni.

Ecco tutto quello che c'è da sapere prima di richiederlo.

I requisiti per il bonus mobili 2018

Come anticipato, ad avere diritto al bonus pari al 50%, è il titolare di ristrutturazione. Vi rientrano non solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili, ma anche un eventuale inquilino o il comodatario, il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, il coniuge separato e il convivente more uxorio.

La nuova legge di bilancio recentemente approvata riguarda gli acquisti che si effettueranno nel 2018 ma solo se legati a un intervento di ristrutturazione edilizia iniziata a partire dal 1° gennaio 2017.

Ciò significa che potrà usufruirne chi acquista mobili ed elettrodomestici nuovi nel 2018 ma ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia nel 2017.

"Per usufruire dell’agevolazione è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. La data di avvio potrà essere provata dalle eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalle norme edilizie, dalla comunicazione preventiva all’Asl (indicante la data di inizio dei lavori), se obbligatoria, oppure, per lavori per i quali non siano necessarie comunicazioni o titoli abitativi, da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (articolo 47 del Dpr 445/2000), come prescritto dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011" spiega l'Agenzia.

Cosa può essere portato in detrazione

La detrazione Irpef del 50% riguarda dunque le spese sostenute fino al 31 dicembre 2018 per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni).

Rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e gli apparecchi di illuminazione che "costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione".

Non vi rientrano porte, pavimentazioni, tende e tendaggi e altri complementi di arredo.

ecobonus 2018

I grandi  elettrodomestici per i quali si può usufruire del bonus 2018 sono:

frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento con etichetta energetica di classe A+ o superiore, A o superiore per i forni, se per quelle tipologie è obbligatoria l’etichetta energetica.

Invece, l’acquisto di grandi elettrodomestici sprovvisti di etichetta energetica è agevolabile solo se per quella tipologia non è ancora previsto l’obbligo di etichetta.

Quali documenti occorrono per il bonus mobili 2018

Per ottenere la detrazione del 50%, è necessario effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non sono ammessi assegni, contanti o altri mezzi di pagamento.

È possibile ottenere la detrazione anche se mobili ed elettrodomestici sono stati acquistati con un finanziamento a rate "a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento".

I documenti da conservare e presentare poi al proprio consulente o CAF sono:

  • l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente)
  • le fatture legate all'acquisto dei beni

È accettato anche lo scontrino in cui è riportato il codice fiscale di chi ha acquistato.

LEGGI anche:

Se lo scorso anno avete fatto dei lavori di ristrutturazione, ne avete diritto e potete farne richiesta.

Francesca Mancuso

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

riso gallo

Riso Gallo

Riso Gallo Aroma: profumo esotico e sapore mediterraneo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram