etichette errate

Circa la metà dei prodotti presenta errori nelle etichette. Se il 57% dei prodotti acquistati risulta correttamente etichettato, non è così per il 43%, che o non presenta alcuna indicazione o ne riporta una errata. È quanto emerge dal terzo round del progetto MarketWatch di Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino.

Sono stati 4637 i prodotti controllati tra negozi fisici (2704) e negozi online (1933). Tra i più bravi della classe, i prodotti correttamente etichettati sono stati acquistati per l'81% nei negozi fisici e per il 23% nei negozi online.

Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino hanno realizzato 12 visite a punti vendita tradizionali e 12 verifiche a punti vendita online, focalizzandosi soprattutto su quelli più critici, ad esempio supermercati e negozi di mobili e complementi di arredamento.

Negozi. Sono state Toscana, Lazio e Veneto le regioni in cui sono stati controllati 6 negozi specializzati in elettrodomestici ed elettronica, 3 grandi superfici di vendita di mobili e complementi d'arredo e 3 supermercati. Sono soprattutto i negozi di arredamento quelli che vantano un livello più alto di etichette “furbette”, ovvero non conformi (53%), mentre uno dei due supermercati visitati presentava la più alta percentuale di mancata etichettatura (77%).

Elettrodomestici. In questi negozi, gli elettrodomestici dove più facilmente è stata riscontrata la mancanza di etichetta sono gli aspirapolvere (32% venduti sebza etichetta) e i televisori (18%), assieme alle cappe aspiranti delle quali una su due è venduta senza etichetta. Va meglio invece per le lavastoviglie, etichettate correttamente: meno del 2% è senza etichetta.

Sottolineano però Legambiente e MdC che solo in un negozio su quattro è stato possibile prendere visione della scheda tecnica informativa che la normativa impone di mettere a disposizione.

etichette negoziOnlinefisici

Acquisti online. A differenza dei negozi fisici, quelli online presentano un maggior numero di errori nell'etichettatura dei prodotti. Si parla infatti di una non conformità del 77%, un valore molto alto se si considera che dal 1° gennaio 2015 è entrata in vigore una specifica normativa che impone la presenza dell'etichetta energetica accanto alla foto del prodotto. Inoltre, 8 dei 12 negozi fanno riferimento a grandi catene specializzate.

errori etichette

Solo il 23% dei prodotti controllati nei negozi online risulta correttamente etichettato, e moltissimi siti ancora non si sono adattati alla normativa che prevede l'obbligatorietà delle etichette anche online.

L'analisi ha scelto per ogni categoria i 20 prodotti più efficienti e i 20 più economici presenti nel negozio. Tra le categorie di prodotto meno virtuose online ritroviamo le cappe aspiranti (89% non conformi), i televisori (75%) e i forni (64%).

Il progetto ha monitorato anche i prodotti troppo energivori per stare sul mercato messi al bando dalla direttiva Ecodesign e ha scoperto che sono ancora presenti soprattutto online: 3 lavatrici e 2 frigoriferi al di sotto della classe A+ , 7 televisori e 2 aspirapolvere.

Per Davide Sabbadin, responsabile efficienza energetica di Legambiente

“le direttive Ecodesign ed Etichetta Energetica - sono di notevole importanza per il clima e particolarmente simboliche alla vigilia della COP di Parigi. Se venissero correttamente applicate, il taglio annuale alle emissioni di CO2 sarebbe di circa 500 milioni di tonnellate, cioè l’1,5% delle emissioni mondiali, pari a quelle del parco auto circolante in Europa. Inoltre, la loro applicazione potrebbe far risparmiare quasi 400 euro a famiglia”.

Per leggere il rapporto, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

ETICHETTE ENERGETICHE: DAL 26 SETTEMBRE VIA CALDAIE E SCALDABAGNI TRADIZIONALI. COSA CAMBIA

ETICHETTE ENERGETICHE: SBAGLIATE O MANCANTI IN UN ELETTRODOMESTICO SU 4

tuvali 320 a

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram