@Duskbabe/123rf

Peperomia: come coltivare e curare questa pianta sempreverde che ti darà soddisfazione in estate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La peperomia è una pianta da appartamento molto resistente dalle foglie succulente. Ecco come coltivarla per una crescita forte e rigogliosa.

La peperomia è una pianta tropicale originaria del Messico, del Sud America e delle Indie occidentali. Con oltre 1.000 specie conosciute, vanta foglie spesse e carnose, in grado di resistere per lungo tempo alla siccità. Se non hai avuto molta fortuna con le piante d’appartamento in fiore, apprezzerai la peperomia perché è molto più facile da curare. 

Ciò che la caratterizza sono le sue foglie, che possono essere strutturate o lisce, rosse, verdi, con sfumature grigie o viola. La cosa che accomuna tutte le piante di peperomia è la loro crescita lenta, e che possono essere piantate tutto l’anno poiché richiedono poca manutenzione. (Leggi anche: 10 regole per far vivere al meglio le piante in casa)

Varietà di Peperomia

Esistono centinaia di diverse varietà di piante di peperomia, molte delle quali sono piante d’appartamento eccezionali. Alcune delle varietà più popolari includono:

  • Peperomia verticillata ‘Belly Button’: si tratta di un vitigno accattivante con una forma compatta e foglie minuscole, che ricorda in qualche modo la pianta delle lacrime del bambino.
  • Peperomia metallica varietà Colombiana: una pianta abbagliante e tricolore con fogliame di bronzo, argento e rosso.
  • Peperomia nitida (cupido peperomia): un vitigno ideale per cesti appesi, con tanto di foglie a forma di cuore bordate color crema.
  • Peperomia perciliata: una varietà rampicante che ha un portamento stretto e produce foglie di forma ovale e steli rossi.
  • Peperomia caperata ‘Suzanne’: una pianta unica, con fogliame profondamente increspato e accenti argentati. (Leggi anche: Come e perché nebulizzare le piante d’appartamento e da esterni)

Prendersi cura delle piante di peperomia

La pianta di peperomia è una scelta intelligente per gli appassionati di piante d’appartamento e, soprattutto, in caso di principianti. 

Non solo sono piante indulgenti e molto forti, ma anche esteticamente bellissime in quanto la spettacolare varietà di colori e trame disponibili accontentano davvero i gusti di tutti.

Se hai deciso di piantare la peperomia, ecco come procedere:

  • Pianta la peperomia in un vaso con ampi fori di drenaggio, usando un miscuglio per orchidee, 
  • Metti la pianta in un ambiente luminoso,
  • Le piante di peperomia richiedono poca attenzione, annaffiale solo quando il terreno è abbastanza asciutto.

Luce

Le piante di Peperomia hanno bisogno di una luce da media a intensa, per mantenere i vivaci colori del fogliame. La luce del mattino e la luce filtrata vanno bene, così come dalle 12 alle 16 ore di luce artificiale. In caso di luce insufficiente, vedrai una lenta crescita e la caduta delle foglie. I raggi diretti del sole dovrebbero essere evitati, in quanto possono bruciarla.

Suolo

Molte specie di piante di peperomia crescono come epifite in natura sistemandosi nell’angolo di un albero. Per far crescere la peperomia al meglio scegli una miscela di terreno a ph acido. Un terriccio per orchidee in genere funziona, ma va bene anche un terriccio normale: puoi sempre alleggerirlo con una manciata di muschio di torba o vermiculite.

Acqua

Le foglie succulente delle piante di peperomia indicano che questa specie non ha bisogno di annaffiature frequenti per mantenersi in salute. Lascia asciugare la superficie del terreno tra un’annaffiatura e l’altra, e mantieni la peperomia asciutta in modo da non avere problematica di marciume radicale e funghi.

Temperatura e umidità

Le piante di peperomia sono resistenti; essendo piante tropicali, però, preferiscono un ambiente caldo e pieno di umidità, soprattutto nei mesi estivi, quando la loro crescita è più attiva.

In estate, quindi, ti consigliamo di posizionare la peperomia su un vassoio di ciottoli e acqua, per aumentarne l’umidità ambientale, oppure investi in un umidificatore di piccole dimensioni da posizionare nelle vicinanze.

Fertilizzante

Quando si tratta di concimare le tue piante di peperomia, usa poco fertilizzante.

Le foglie scolorite o che cadono sono solitamente un segno di luce inadeguata o irrigazione eccessiva, non di cattiva alimentazione. Essendo un’epifita a crescita lenta, la peperomia può vivere tutta la sua vita senza fertilizzanti, ottenendo ciò di cui ha bisogno dai suoi terreni di semina. (Leggi anche: Malattie e parassiti delle piante: come riconoscerle. Sintomi e rimedi)

Invasatura e rinvaso

Le piante di peperomia possono vivere per anni in un contenitore relativamente piccolo, perché hanno un tasso di crescita molto lento. Di conseguenza, puoi lasciarla nel vaso piccolo a meno che tu non veda le radici che escono dai fori di drenaggio; in tal caso, occorre rinvasare in un contenitore leggermente più grande con un mix acido o corteccia di orchidea.

Propagazione di piante di peperomia

A causa della loro natura densa e succulenta, le piante di peperomia sono facili da propagare per talea.

Ecco come fare:

  • Rimuovi una foglia con un pollice di gambo dalla pianta madre in primavera, quando la crescita è più attiva. 
  • Metti la talea in un piccolo contenitore pieno di terriccio, tagliando verso il basso. 
  • Copri con un involucro di plastica o una cloche per creare una mini-serra e aiutare a trattenere l’umidità. 
  • Innaffia costantemente e non lasciare mai che il terreno si asciughi. 

Dovresti notare che le radici si formano entro poche settimane; la talea può essere trapiantata in un contenitore più grande una volta che diventa troppo grande per quello originale. (Leggi anche: Piante succulente facili da coltivare: il suggestivo “sasso vivente” a forma di cuore)

Parassiti e malattie comuni

Le piante di peperomia sono soggette agli stessi parassiti comuni che possono colpire la maggior parte delle piante d’appartamento: cocciniglie, acari e mosche bianche.

Il sapone insetticida è il miglior trattamento non tossico per questi parassiti. Inoltre, potrebbero verificarsi macchie fogliari e le piante sono suscettibili a marcire se il terreno è costantemente troppo umido.

Sulle piante da appartamento ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook