I vasi di terracotta per innaffiare le piante una volta al mese come gli antichi romani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Usare i vasi di terracotta non smaltata per irrigare. Un metodo antichissimo, usato migliaia di anni fa, è tornato in auge e potrebbe permettere di risparmiare l’acqua e al tempo stesso innaffiare il terreno. Anche se è abbastanza semplice realizzarlo da soli, ClayolaEgypt ha prodotto quelli che gli antichi romani chiamavano Olla.

Gli antichi Olla latini erano contenitori panciuti e dotati di coperchio. Queste anfore venivano usate sia per la cottura dei cibi che per la cura del giardino, offrendo una riserva d’acqua.

Essendo fatte di terracotta, esse permettono all’acqua contenuta al loro interno di uscire fuori, traspirando. Gli antichi romani le interravano lasciando solo la bocca al di fuori del terreno. Così, potevano versare altra acqua una volta esaurita quella presente.

Riempiendole con regolarità, le piante hanno a disposizione l’acqua di cui hanno bisogno e vi accedono naturalmente, riducendo la necessità di innaffiare spesso. Inoltre le piante, allungheranno le radici verso la loro fonte d’acqua.

crayola innaffiare piante

Ed è così che funzionano quelle prodotte da ClayolaEgypt. Questi vasi colorati di argilla vanno interrati e conservano l’acqua e fanno sì che il terreno sia sempre umido. Il sistema permette di irrigare fino a 6 piante per un mese utilizzando solo la gravità.

Non sono smaltati sul fondo per lasciare filtrare l’acqua ma hanno un vetro nella parte alta per minimizzare l’evaporazione. Collegandoli ad un serbatoio d’acqua in serie, riescono a rimanere pienio d’acqua anche per un mese.

clayola piante3

Secondo Clayola, si tratta di una buona soluzione se si ha poco tempo per irrigare il giardino o se si rimane fuori casa per un viaggio o per lunghi periodi. Magari riutilizzando anche l’acqua di scarico del condizionatore.

clayola2

Le piante vengono irrigate automaticamente e low cost senza costosi sensori.

“La pianta estrae l’acqua di cui ha bisogno da ciascun vaso di argilla. Dopo un po’, l’apparato delle radici delle piante toverà la fonte di acqua e abbraccerà letteralmente Clayola, consentendo di sfruttare al massimo l’acqua” spiega il team.

I vasi sono realizzati a mano in Egitto e vengono spediti in tutto il mondoa blocchi da 6 al costo di circa 30 dollari più spese di spedizione. Maggiori informazioni possono essere trovate sulla pagina Facebook della società.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook