Bottiglie di plastica: come realizzare vasi per coltivare a testa in giu’ in 6 mosse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bottiglie di plastica per coltivare le piante a testa in giù. In caso di mancanza di spazio (e non solo) può rivelarsi una tecnica molto utile (e più efficiente di quanto ci si aspetterebbe).

Cosa serve? Tante bottiglie, qualche foglio di alluminio, un taglierino, nastro adesivo e spago. Ma soprattutto luce, acqua, terra e piantine!

Ecco 6 mosse per creare vasi per coltivare a testa in giu’ da bottiglia di plastica:

Preparazione della bottiglia

fase1

Usare un taglierino affilato per tagliare la base della bottiglia sopra il fondo, lavare accuratamente la bottiglia

2 Preaparare i bordi e inserire lo spago

fase1bis

fase2

Coprire il bordo esposto della bottiglia con nastro adesivo e realizzare 4 fori intorno ad esso a intervalli regolari. Serviranno per inserire lo spago. Tagliare lo spago a pezzi di uguale lunghezza e legarli in modo sicuro attraverso questi fori. Quando si raccolgono insieme le estremità, sarà possibile appendere la fioriera verso il basso, senza che quest’ultima si muova.

3 Inserire il foglio di alluminio

fase2bis

Tagliare un piccolo pezzo di foglio di alluminio e inserire nella bottiglia come nella foto. Questo aggiungerà uno strato isolante che serve a un duplice scopo: attrae calore e non fa andare via la terra

4 Scegliere le piante

Selezionare il tipo di piante che si vuole far crescere. Se verranno posizionate all’interno, l’ideale è optare per erbe aromatiche come basilico, prezzemolo, coriandolo, timo, rosmarino o rucola. All’esterno, invece, con questa tecnica si possono piantare piccoli pomodori e peperoncini! Basta fare in modo di aggiunggere la terra man mano.

5 Aggiungere la terra

Aggiungere il terreno e le piantine. Non pressare troppo, in modo che le radici possano diffondersi. Capovolgere il flacone in modo che il collo della bottiglia sia rivolto verso il basso.

6 Appendere la fioriera

fase 5

Appendere il vaso in un luogo dove c’è abbondanza di luce solare e acqua. Per annaffiare in maniera corretta servirà un po’ di pratica. Sarete comunque felicemente sorpresi di vedere quanto velocemente le vostre piante cresceranno, e quanto spazio avrete salvato in questo modo.

Roberta Ragni

Fonte e foto

LEGGI anche:

Come realizzare vasi auto-innaffianti dalle bottiglie di vetro (o plastica)

Come realizzare un giardino verticale con le bottiglie di plastica in 10 mosse

Windows Farm: come costruire un orto urbano sulla finestra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook