Tertill, il robot giardiniere che estirpa le erbacce con l’energia solare (FOTO E VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un giardino curato e pulito, senza troppa fatica e senza produrre un solo grammo di CO2. Non è un sogno. La soluzione si chiama Tertill ed è un piccolo robot che toglie le erbacce sfruttando l’energia solare.

A caccia di fondi su Kickstarter, Tertill è stato creato da Joe Jones, l’inventore di Roomba, ed è stato progettato per stare tranquillamente in giardino in attesa del lavoro da fare, a prescindere dalle condizioni meteo.

Come funziona?

Tertill vive letteralmente in giardino e impedisce la comparsa delle erbacce. Utilizzando elementi di design e una varietà di sensori, pattuglia ogni giorno il giardino, evitando che le piante vengano circondate dalla vegetazione infestante.

Non servono pesticidi o erbicidi. Il piccolo dispositivo, che somiglia a Roomba, fa tutto da solo e in maniera meccanica tira via le erbacce.

Come fa a sapere cosa va estirpato e cosa no?

Un gioco da robot, per Tertill: le erbacce sono corte, le piante sono alte. Una pianta abbastanza alta da toccare la parte anteriore della struttura esterna di Tertill attiva un sensore che fa spegnere il robot. Una pianta abbastanza corta da passare sotto Tertill, invece, attiva un sensore diverso che fa avviare il tagliaerba.

robot giardino solare2
robot giardino solare3

Non serve altra energia se non quella fornita gratuitamente dal sole. In presenza di luce solare, anche nei giorni nuvolosi, la cella fotovoltauca di Tertill converte la luce in elettricità. Il robot inoltre conserva l’energia in eccesso in una batteria.

Non è necessario caricare o sostituire la batteria, visto che il robot sfrutta l’energia stoccata quando è nuvoloso o quando la luce solare non è sufficiente.

robot giardino solare1

Tertill usa quattro ruote motrici per muoversi anche nel terreno soffice e nella sabbia. Si muove anche su terreni in salita.

LEGGI anche:

Al momento non è possibile acquistarlo perché Tertill è a caccia di fondi. Ci sarà tempo fino al 13 luglio. Solo allora sapremo se ha raggiunto il goal e se lo vedremo in commercio.

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook