@Oleksii Zelivianskyi/Shutterstock

Talee di rosa, è arrivato il momento di moltiplicare le tue piante per un giardino fioritissimo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Consigli pratici e tecnica per effettuare correttamente una talea di rosa e preparare tanti nuovi vasi per una primavera profumata e colorata

Chi ha un giardino o un balcone verde e fiorito lo sa bene, questo è un periodo denso di preparativi e di molto lavoro. Un lavoro finalizzato a mettere a riparo le piante dal freddo ma anche preparare le stesse a nuove e vigorose fioriture la prossima primavera. (Rose: come coltivarle, potarle e riprodurle per talea (da una patata)

Ecco che gli amanti delle rose sono alle prese con le talee, già perché è arrivato il momento di moltiplicare le nostre bellissime piante in modo da avere una straordinaria fioritura la prossima stagione. La talea è il metodo di propagazione più semplice, davvero alla portata di tutti, sia per esperti pollici verdi sia per principianti e neo appassionati di giardinaggio. Vediamo meglio come procedere.

Come scegliere la pianta

Innanzitutto è importante scegliere la pianta giusta da cui effettuare il taglio. Questa deve avere lunghi rami giovani non ancora lignificati quindi ancora con il ramo verde.

Il taglio andrà fatto al di sotto di un nodo. Con nodo si intende quel punto in cui nasce un nuovo ramo e da cui si svilupperanno le radici.

Inoltre, un aspetto molto importante di cui tenere conto sarà il terriccio in cui dovrà radicare il ramo reciso. Dovrà essere soffice, areato, drenante e ben concimato. Per cui non lesiniamo e scegliamolo di qualità.

Se le temperature sono ancora troppo alte, il vaso non andrà lasciato al sole, bensì messo in una zona ombreggiata. Altrimenti si rischia che il caldo faccia asciugare velocemente il terreno che non sarà più sufficientemente umido per favorire la radicazione. Quindi posizioniamo i nuovi vasi in una zona riparata. Andrà benissimo anche per proteggerle dal freddo invernale.

Come fare le talee di rosa

talea rose

@Radovan1/Shutterstock

Procuriamoci una forbice da giardinaggio e sterilizziamo le lame, possiamo farlo con alcool oppure scaldandole con una fiamma. Questo serve per non far infettare quella che per la pianta è una vera e propria ferita.

Dopodiché scegliamo il punto giusto in cui tagliare, al di sotto del nodo e recidiamo con un taglio obliquo.

Eliminiamo anche le foglie che si trovano direttamente al di sopra del taglio.

Sempre con la lama sterilizzata decortichiamo leggermente una piccola porzione di ramo, quella che andrà interrata a da cui nasceranno le nuove radici. Questo serve per ampliare la superficie di radicazione. Basterà poco, anche solo 1 cm.

Siamo pronti per interrare la talea

Ecco arrivato il momento in cui piantare la futura pianta di rosa. Con l’ausilio di un bastoncino facciamo un foro al centro del terriccio e posizioniamo il ramo. Chiudiamo e pressiamo leggermente la terra tutt’intorno in modo da rendere stabile la pianta. Ora non rimane che attendere.

Bagniamo a terreno asciutto. Non servirà concimare finché le radici non saranno formate.

Ecco che in primavera avremo tanti bellissimi vasi di rose a costo zero ma che daranno molte più soddisfazioni poiché frutto del nostro impegno.

Sulle rose ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ha 42 anni e ha studiato Lettere e Filosofia. È appassionata di cinema, letteratura e tematiche ambientali. Ama il mondo vegetale e tutto ciò che riguarda le piante e la loro cura.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook