@Kichigin Aleksandr /123rf

Questo spray fungicida a base di bicarbonato ferma l’oidio e salva le tua piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’oidio è la rovina di tutti i giardinieri. Colpisce diverse piante come cetriolo, zucca, melone, zucchina, rose, mele e molte altre. È riconoscibile perché forma come uno strato polveroso e cinereo sulle foglie. Non solo è antiestetico, ma alla fine indebolisce e uccide tutte le piante. 

Per evitare fungicidi chimici, è possibile autoprodurre un fungicida davvero efficace e a basso costo attingendo alla propria dispensa.

Questo spray fungicida fatto in casa ferma l’oidio, ed è adatto anche per le macchie nere sulle rose.

Ingredienti: 

Procedimento e uso:

  • Mescola tutti gli ingredienti insieme e versa in un flacone spray. 
  • Spruzza tutte le foglie infette in alto e in basso, assicurandoti che il liquido sia così denso da gocciolare dalle foglie. 
  • Spruzza sull’intera pianta, perché anche se non riesci a vedere il fungo potrebbe nascondersi.

(Leggi anche: Spray fungicida naturale a costo zero: contro muffe, micosi e funghi delle piante, usa il bicarbonato di sodio in questo modo)

Prevenzione

Naturalmente, prevenire è meglio che cercare di affrontare un’infezione fungicida. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a evitare il problema:

  • Assicurati di lasciare molto spazio tra le piante per fornire un flusso d’aria sufficiente.
  • Innaffia bene le piante soprattutto in piena estate.
  • Nutri il tuo terreno prima di piantare e nutri le piante per tutta la stagione, per assicurarti che siano forti e più resistenti alle malattie.
  • Rimuovi eventuali foglie o piante che mostrano segni di danni fungicidi. 
  • Non permettere al fogliame infetto di decomporsi nel terreno.
  • Se ti piace una particolare ricetta fungicida fatta in casa, usala come prevenzione e spruzzala ogni due settimane.

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook