@surkovaphoto/123rf.com

Piante d’appartamento: perché settembre è il mese giusto per riportarle in casa e come programmare il rientro graduale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È arrivato il momento di riportare in casa le nostre piante d’appartamento dopo l’estate trascorsa fuori all’aperto vediamo come fare

È giunto uno dei momenti più tristi della vita di ogni piantofilo che si rispetti. Quello di riportare dentro gli appartamenti le piante che abbiamo messo all’esterno durante la bella stagione. Le abbiamo viste rinvigorirsi e crescere. Abbiamo ammirato le splendide fioriture e il continuo nascere di foglie nuove. Hanno giovato appieno della luce intensa e diffusa degli ambienti esterni, della brezza naturale che ha tolto polvere e della pioggia che le ha lavate.

Programmare il graduale rientro in casa

Le temperature notturne, soprattutto nel nord della penisola sfiorano sempre più spesso i 15 gradi. Teniamo presente che la temperatura limite per le nostre piante, essendo tutte di origine tropicale è di 10 gradi. Pertanto cominciamo a pensare a come effettuare lo spostamento. Già, perché anche questa operazione deve essere fatta tenendo presente alcuni punti fondamentali per il loro benessere. (Come trasformare il tuo pollice nero in pollice green con questi tre accorgimenti)

Il cambio repentino di luce

Come ogni cambiamento, anche questo provoca un piccolo trauma. Non dobbiamo sottovalutare la diminuzione improvvisa di luce. Passare dall’ambiente aperto, a quello di casa dimezza la quantità disponibile per la pianta. Un consiglio utile può essere quello di effettuare un passaggio graduale già ora che le temperature notturne sono ancora accettabili. Pertanto se abbiamo una veranda coperta in cui non vi è luce diretta del sole ma cmq una luminosità diffusa, trasferiamole lì per un primo processo di adattamento. Oppure acquistiamo una serra con rotelle, ve ne sono di tutte le misure e per tutte le tasche, ci permetterà di lasciare le piante all’esterno e ritirarle solo alla sera.

Annaffiare le piante

immagine

Per tutta l’estate le abbiamo annaffiate abbondantemente senza temere il marciume radicale, anzi assecondando il loro maggiore fabbisogno idrico. Ora invece che non possiamo più godere dell’aiuto del sole e del caldo, dobbiamo prestare la massima attenzione alle irrigazioni. La pianta, con meno luce a disposizione subisce un rallentamento delle sue funzioni, pertanto avrà bisogno anche di meno acqua.

Spolverare è importante

Già, in effetti anche questa è un’operazione molto sottovalutata. Eppure, eliminare le impurità dalle lamine fogliari, sia sopra che sotto, la aiuta a respirare meglio e ad effettuare una corretta fotosintesi. Più le foglie sono pulite migliore sarà la fotosintesi. Ma non è soltanto la pulizia delle foglie ad essere fondamentale, lo è anche quella dei vetri delle finestre! Ebbene sì, pulire i vetri favorisce l’irraggiamento luminoso nella stanza. Si tratta di massimizzare la quantità di luce a disposizione soprattutto nei lunghi mesi invernali. Infatti dobbiamo sapere che anche un sottile strato di polvere sui vetri è in grado di schermarne moltissima, penalizzando le piante.

La concimazione

Su questo tema esistono diverse scuole di pensiero. Quello che sicuramente va tenuto presente, per decidere come comportarsi a riguardo, è la loro origine. Come già accennato sopra, la maggior parte di esse provengono da zone tropicali. In questi luoghi, luce e clima sono pressoché costanti durante tutto l’anno per cui la pianta non va mai in riposo vegetativo. Mentre nei climi continentali è costretta ad adattarsi a cambi di temperature e di luce. È quello che succede nelle nostre case. La pianta quindi rallenta le sue funzioni vitali ma non le interrompe, pertanto potremo aiutarla dimezzando le dosi di concime da somministrare.

Queste sono le principali ma fondamentali indicazioni per effettuare senza traumi il rientro in casa delle nostre piante d’appartamento e garantire loro benessere e salute anche in inverno.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Sulle piante ti potrebbero interessare anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ha 42 anni e ha studiato Lettere e Filosofia. È appassionata di cinema, letteratura e tematiche ambientali. Ama il mondo vegetale e tutto ciò che riguarda le piante e la loro cura.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook