Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Tempo di potare le rose sfiorite! Tecniche e consigli per farlo nel modo giusto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando e come potare le rose? Anche a settembre si consiglia di rimuovere i fiori appassiti con una potatura di fine estate

In genere per quanto riguarda le rose si parla di due o tre potature: una potatura invernale e una potatura estiva, più una, eventuale, potatura autunnale. La potatura invernale delle rose avviene normalmente a fine inverno, prima che la pianta sviluppi nuovi boccioli. 

Dunque febbraio rappresenta il mese ideale per la potatura principale delle rose, il periodo giusto per occuparci delle “regine” del nostro giardino in modo che fioriscano al meglio durante la prossima primavera e arricchendolo di colore e dell’inebriante profumo dei loro petali. Ma anche a settembre e a dicembre conviene prendersi cura del proprio roseto con delle potature mirate. (Coltivare le rose: la guida per principianti con le dritte giuste per far splendere la regina del giardino)

Quando potare le rose

La vostra pianta di rose è molto giovane? Tenete conto che, in genere, si consiglia di non potare le rose per i primi due anni. Così le piante possono svilupparsi e infoltirsi. La potatura invernale permette di rimuovere i rami secchi e rovinati dal freddo, mentre con la quella estiva, ma anche in quella autunnale, si eliminano i fiori appassiti per favorire la comparsa di nuove rose e le foglie cadute o secche.

La potatura autunnale e invernale delle rose

Per quanto riguarda la potatura delle rose quando le piante si trovano a riposo, si parla di potatura autunnale o invernale. Si interviene quando le piante hanno concluso il proprio ciclo di fioritura. In autunno si eliminano foglie secche e cadute e fiori appassiti. In inverno si potano i rami secchi e sofferenti con tagli netti, eseguiti poco al di sopra della gemma.

La potatura estiva delle rose

Chi lo desidera può eseguire durante l’anno una seconda potatura delle rose. Si tratta della potatura estiva, che avviene quando le piante sono ancora in fiore, in genere a fine agosto, settembre. L’obiettivo è quello di eliminare le rose ormai appassite per dare la possibilità alla pianta di deliziarci con una nuova fioritura. La potatura estiva dei fiori appassiti non è comunque obbligatoria e viene consigliata soprattutto per le piante di rose e i rosai a fiori grandi.

Come potare le rose

La potatura vera e propria delle rose si effettua, quindi, in inverno. Le modalità di potatura possono variare a seconda della varietà di rose di cui dobbiamo prenderci cura. In ogni caso, comune alle varie piante di rose è l’esigenza di eliminare i rami secchi, appassiti, o che, semplicemente, creano disordine o eccessivo affollamento nella pianta.

In questo modo si favoriscono la circolazione dell’aria e della luce tra i rami delle piante di rose, anche nella parte interna. La potatura si effettua al di sopra della gemma sana presente nel ramo selezionato.

Il taglio deve essere obliquo e in direzione opposta alla gemma.

potare rose

@Komleva/Shutterstock

Potare le rose a fine inverno

Ecco un video utile che vi permette di comprendere meglio come procedere nella potatura delle rose a fine inverno, in modo da favorire la nascita del maggior numero di rami nuovi e di fiori primaverili.

Questo tipo di potatura permette di rimuovere i rami rovinati dall’inverno delle rose ad arbusto. Dovrete osservare la vostra pianta di rose per eliminare i rami compromessi dal freddo. Sarebbe bene accorciare ogni ramo cercando di mantenere solo 2 o 3 gemme. Cercate di effettuare le potature sopra le gemme rivolte verso l’esterno dell’arbusto.

Se le rose sono rampicanti, invece, i rami rimarranno più lunghi. Per i rami sani e robusti si manterranno 5 o 6 gemme, mentre si elimineranno comunque le parti dei rami rovinati. Per favorire lo sviluppo delle rose rampicanti è necessario utilizzare un graticcio per il sostegno dei rami. In autunno, a conclusione della fioritura primaverile e estiva, si interviene per eliminare tutti i fiori appassiti, le foglie secche e i rami troppo lunghi.

tagliare rose

Il giusto modo per effettuare il taglio sopra la gemma @Svetlana Zhukova/Shutterstock

Potare le rose sfiorite in estate

Le nuove rose sbocciano solo su rami nuovi, ecco perché è importante effettuare potature intelligenti nei periodi dell’anno più adatti. A fine estate poterete le rose sfiorite. Dovrete rimuovere i rami portatori dei fiori appassiti per favorire lo sviluppo di nuovi fiori. Se durante la primavera e l’estate i rami sono cresciuti molto, potrete accorciarli con forbici affilate. La cicatrice di taglio, se è molto grande, può essere coperta con del mastice per potature.

Ecco un video che vi sarà d’aiuto per capire meglio come potare le rose sfiorite in estate.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sulle rose leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook