Le cucine plastic free che durano una vita

Le piante, un potente antistress nelle nostre case e nei luoghi di lavoro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I primi ospedali in Europa possono essere considerati nati nelle comunità monastiche dove il giardino era considerato una parte essenziale dell’ambiente in quanto supportava il processo di guarigione. Da allora la connessione tra il verde e la medicina terapeutica o preventiva è andata gradualmente scemando, ma negli ultimi decenni, sono state condotte notevoli ricerche sugli effetti dello stare in mezzo alla natura e dell’aggiunta di piante ad ambienti altrimenti artificiali. Oggi, l’evidenza delle ricerche mediche conferma questa teoria:

L’aggiunta di elementi della natura agli spazi abitativi può indurre cambiamenti valutati positivamente nella cognizione e nelle emozioni, che a loro volta possono avere un impatto sul livello di stress, sulla salute e sul benessere.

Uno studio sperimentale in merito è stato condotto nel 2007 nei Paesi Bassi: a 77 partecipanti sono state mostrate le foto di stanze di ospedale, alcune con piante d’appartamento, mentre in altre c’era il dipinto di un ambiente urbano sul muro. Successivamente, sono stati misurati lo stress percepito e l’attrattiva percepita per stanza d’ospedale. I partecipanti esposti alla stanza d’ospedale con piante da interno hanno riportato uno stress inferiore rispetto a quelli nella condizione di controllo. L’analisi di mediazione ha confermato che gli elementi naturali nell’ambiente sanitario ricostruito hanno dimostrato di possedere potenziali proprietà di riduzione dello stress.

Studi sul ripristino dell’attenzione suggeriscono che le piante e la natura possono alleviare la nostra fatica a restare attenti, facendo passare il cervello a una modalità di elaborazione diversa, più adatta al rilassamento, alla concentrazione delicata e alla creatività.

Ulteriori idee del rapporto sulla specie umana sull’impatto globale della progettazione biofila sul posto di lavoro suggeriscono che lavorare circondati da elementi naturali porta un picco del 15% nel benessere segnalato e un aumento del 15% della creatività.

Ci sono piante più utili a ridurre lo stress?

Molto dipende dalle nostre capacità di prenderci cura delle piante. Sicuramente le piante a fogliame largo aiutano a creare uno spazio sereno, le piante con forme più morbide, più rotonde o striscianti tendono a essere più rilassanti in quanto sembrano essere più “amichevoli” delle piante con forme dure e geometriche, ma la loro cura non deve essere fonte di stress.

Ad esempio, un Ficus lyrata o una Monstera, con le loro enormi foglie verdi arrotondate o un muro coperto da piante verdi fluenti come Rhipsalis, Pothos e Hoyas che creano cascate di verde da uno scaffale. Se sei un principiante, opta per piante a bassa manutenzione come la Yucca, la Dracaena, il Philodendron, lo Spathiphyllum o una Zamioculcas. Visivamente, queste piante creeranno uno spazio più rilassante dove fermarsi, rilassarsi e respirare.

Ci sono poi piante che sono state testate nella loro capacità di ridurre lo stress, come il Bambù e le palme nane.

Lo studio sui bambù ha visto la partecipazione di quaranta partecipanti per chiarire gli effetti di rilassamento psicofisiologico della visione del bambù. Gli effetti della stimolazione visiva utilizzando un vaso con e senza bambù sono stati registrati misurando la pressione sanguigna degli studenti, EEG (elettroencefalogramma) e STAI (State-Trait Anxiety Inventory). 

Si è osservato come la visualizzazione delle piante di bambù abbia portato a pressioni sanguigne sistolica e diastolica significativamente più basse. I risultati dell’analisi EEG hanno indicato una variazione delle onde cerebrali e punteggi di ansia inferiori dopo 3 minuti di visione del bambù rispetto al controllo. Questi risultati indicano che la stimolazione visiva con piante di bambù ha indotto effetti di rilassamento psicofisiologico sui partecipanti.

Lo stesso effetto ha dato la presenza negli appartamenti di palme nane, e gli effetti sono stati valutati usando uno strumento in grado di misurare l’attività dell’amilasi nella saliva dei soggetti: Lo stress innesca la risposta di combattimento o fuga del corpo, causando, tra le altre cose, una scarica di adrenalina, un aumento della frequenza cardiaca e la salivazione. Le ghiandole salivari invadono la bocca con un enzima chiamato alfa-amilasi salivare (sAA), e questo può servire come indicatore di stress.

La Sanseveria unisce la semplicità che richiede dal punto di vista delle cure con i benefici per l’ambiente in cui viviamo: la NASA ha messo una di queste piante in una stanza chiusa e l’ha riempita di gas tossici. Dopo 24 ore, i test hanno mostrato che i livelli di benzene erano ridotti del 53%.

Ricordiamoci che il verde è il colore predominante del pianeta Terra dopo il blu.

Il verde equilibra le nostre energie e può essere utilizzato per aumentare la nostra sensibilità e la cura che mettiamo nell’occuparci delle nostre piante è un atto di consapevolezza che ci collega con la natura.

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook