Come (e perché) ospitare le api solitarie nel proprio giardino ?

ospitare api solitarie giardino

Avete mai sentito parlare delle api “solitarie”? Si tratta di oltre 20.000 specie di impollinatori che non vivono in un alveare, ma che ricoprono anch’essi un ruolo di estrema importanza nel delicato equilibro naturale.

{index ordered=”false”}

Non producono miele e non sono per nulla aggressive, mentre sono fondamentali per l’intero ecosistema.

Le specie più comuni di api solitarie

Le più comuni sono le primaverili Osmie (O. cornuta e O. bicornis), le bivoltine (ossia con due generazioni all’anno) Osmia caerulescens e le estive api “tagliafoglie” (come M. centuncularis).

Ma esistono, ovviamente, moltissime altre specie di api solitarie in Italia.

Finora è stato soprattutto il calo nelle popolazioni dell’ape da miele domestica a far parlare di sé, ma la lista rossa europea indica che il 9 % di tutte le specie di api del nostro continente è a rischio di estinzione.

Le api selvatiche sono spesso minacciate dalla perdita e dalla frammentazione degli habitat, dovute alla diffusione dell’agricoltura intensiva, al vasto uso di pesticidi e fertilizzanti, allo sviluppo urbano e al cambiamento climatico.

Le api dipendono dal proprio habitat per il nutrimento; al deterioramento di un ecosistema si associa dunque un peggioramento della salute di questi insetti, che sono sempre più esposti ad altre minacce, come i pesticidi.

beesogno

Come aiutare le api selvatiche

Per questo è importante, che ognuno di noi faccia qualcosa per aiutarle. Come? Apprendendo il più possibile su di loro, piantando tanti fiori, evitando l’uso di pesticidi e, soprattutto, ospitandole nei nostri giardini, aiutandole così a ripopolare le nostre zone.

Si potrebbe, ad esempio, posizionare un hotel fatto appositamente per loro nel tuo giardino, orto o balcone:

beesogno 2

10 Consigli per allevare le osmie nel proprio giardino ?

  1. Non abbiate paura! Sono estremamente gentili e i maschi non possiedono il pungiglione.
  2. Il polline è essenziale. Se non ci sono alberi in fioritura o abbondanza di fiori le vostre api cercheranno un altro luogo.
  3. Location delle casette. Devono essere rivolte a sud o sud/est con fiori in un raggio di 100m.
  4. Il fango è un must. Le Osmie sigillano le loro cellette con il fango, è necessario avere almeno un po’ di terreno libero dall’erba nelle vicinanze.
  5. Il materiale adatto per le casette. Cannucce in carta o ripiani separabili in legno, purché si possano rimuovere i bozzoli per la pulizia.
  6. Osserva le tue api. Le Osmie sono affascinanti da osservare, educative alla bio-diversità per i bimbi e assolutmante innocue.
  7. Attenzione ai predatori/parassiti: possono rovinare la vostra popolazione di Osmie.
  8. Siate pronti per l’arrivo della primavera. Preparate le vostre casette in anticipo e posizionatele a fine febbraio/inizio marzo. ⚠ ✅✅✅
  9. Pulizie d’autunno. Ispezionate e pulite i bozzoli contenenti le future api da eventuali parassiti, così da avere una nuova generazione forte e sana.
  10. Attira gli impollinatori. Non solo alberi da frutto, ma anche fiori (possibilmente nativi) da seminare per garantire una costante fioritura nel corso di tutte le stagioni.

Altri articoli per aiutare le api

Per maggiori informazioni visita il sito www.beesogno.com, nato con lo scopo di diffondere il più possibile la conoscenza di questi utili insetti impollinatori e la loro salvaguardia.

Roberta Ragni

Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook