©greenMe.it

Combattere i moscerini dei funghi: come proteggere le tue piante dai piccoli sciaridi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I “moscerini dei funghi” sembrano a prima vista moscerini della frutta. Le larve dei moscerini dei funghi preferiscono nutrirsi delle radici delle piante. Come combattere questi piccoli parassiti e come prevenire una nuova infestazione di moscerini dei funghi con metodi naturali

Si moltiplicano nel terreno delle piante d’appartamento. Sono innocui per l’uomo, ma le loro larve in particolare possono essere dannose per le piante che abbiamo in casa: sono i moscerini dei funghi, sciaridi, piccoli parassiti generalmente attratti dall’umidità, dalle temperature elevate e dalla materia organica in decomposizione. Ma come fare per eliminarli o prevenire la loro presenza?

I moscerini sciaridi sono sì fastidiosi, ma non pungono né trasmettono malattie. La cattiva notizia è che purtroppo non se ne vanno via da soli. Il bello è che i moscerini sciaridi sono considerati parassiti solo se attaccano le piante d’appartamento. In natura sono estremamente utili: le loro larve sono infatti tra i più importanti organismi decompositori fogliari nelle foreste e rappresentano un importante anello della catena alimentare.

I moscerini sciaridi hanno una durata di pochi giorni. Poco prima della fine della loro vita, le femmine depongono fino a 200 uova, dalle quali si schiudono le larve dopo appena una settimana. Queste larve si nutrono poi della terra e, purtroppo, anche delle radici di molte piante.

La ragione di un’infestazione da moscerini dei funghi nelle piante d’appartamento è di solito un’irrigazione troppo estesa. Non è raro che gli insetti fastidiosi vengano introdotti con terriccio inferiore, in cui si trovano già uova o larve dei parassiti.

Leggi anche: Come tenere lontani dalla frutta insetti e moscerini

Cosa sono i moscerini dei funghi

I moscerini dei funghi (famiglia dei Mycetophilidae e Sciaroidea) sono parassiti comuni che colpiscono le piante d’appartamento, specialmente dove si riscontrano alti livelli di umidità e di condensa.

Distinguere tra moscerini dei funghi e moscerini della frutta non è immediato: entrambe le specie hanno due ali nere, estremamente piccole.

Il moscerino dei funghi:

  • dimensioni da 1 a 7 millimetri
  • è nero e snello, le sue zampe sono lunghe
  • le larve sono grigio-bianche e di dimensioni comprese tra 6 e 7 millimetri
  • i moscerini sciaridi possono essere trovati intorno alle piante in vaso

Il moscerino della frutta:

  • dimensioni da 1 a 6 millimetri, di solito da 2 a 3 millimetri
  • sono più marroni e non così sottili come i moscerini dei funghi
  • amano la frutta troppo matura e danneggiata

Le larve, qualunque sia la specie di Sciaroide di appartenenza, hanno caratteristiche comuni: sono prive di zampe e il loro corpo è biancastro, esile e allungato.

In genere, le larve di sciaridi prediligono:

  • il legno marcescente
  • le lettiere e gli escrementi di animali
  • i nidi degli uccelli
  • le cortecce degli alberi e le cavità naturali

E non solo: le larve amano quelle colture che si trovano in:

  • vasi di piante ornamentali
  • substrati freschi e umidi
  • serre e fungaie

Leggi anche: 10 regole per far vivere al meglio le piante in casa

Combattere i moscerini dei funghi con 6 metodi

Dal momento i moscerini dei funghi non se ne vanno da soli, ecco qualche modo per sbarazzarci degli sciaridi

Piante colpite in quarantena

Fate caso quali piante i moscerini hanno colpito. Ci sono segni di un’infestazione da moscerino sciaride come:

  • ronzano intorno alla pianta
  • quando si innaffia, i moscerini escono e si librano
  • molte larve si trovano nell’area delle radici

Meglio allora isolare e trattare le piante colpite 

Sabbia di quarzo

Coprite il terriccio delle piante infestate con uno strato di uno o due centimetri di sabbia di quarzo. Ciò significa che le piccole mosche non potranno più deporre le uova nella terra umida.

I nematodi 

I nematodi sono un modo sostenibile per controllare i moscerini dei funghi: si cibano infatti delle larve e le piante ricominciano a vivere. Da aggiungere semplicemente all’acqua dell’innaffiatoio per due o tre settimane. Importante da sapere: i nematodi sono completamente innocui per l’uomo, le piante e altri animali.

Sostituire la terra

Se c’è una forte infestazione di moscerini dei funghi, melgio sostituire completamente il terreno delle piante in vaso. Rimuovere con cura il terreno dalle radici e rinvasare le piante in terreno fresco. Ricordate di pulire accuratamente anche i vasi dei fiori.

Poca acqua

Abbiamo detto che i moscerini dei funghi trovano le condizioni ideali nei terreni umidi, per questo non date troppa acqua, soprattutto durante i mesi invernali quando le piante ne richiedono di meno. Quando rinvasate, evitate di utilizzare del materiale organico che contenga acqua, come le alghe, che potrebbe favorire la deposizione di uova.

Antiparassitari naturali

Contro i moscerini dei funghi, un validissimo aiuto è l’olio di Neem, capace di tenere lontani i moscerini dei funghi impedendo loro di depositare le uova. Se le uova sono già state deposte, la sua applicazione le renderà sterili.

L’olio di Neem  potete diluirlo nell’acqua dell’innaffiatoio oppure nebulizzarlo su foglie e fusti, almeno un paio di volte a settimana.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook