@ phanthit/123rf.com

I giardini di ghiaia sono desolanti distese di “morte”, i trucchi per trasformarli in un’oasi di biodiversità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I giardini con la ghiaia sono superfici morte: fanno male alla biodiversità e in alcune zone sono addirittura vietati. Ma ora la tendenza si sta invertendo in favore di giardini sassosi che rispettano l’ambiente e che possono rappresentare un habitat accogliente per alcune specie di piante ed animali

Sempre più diffuso il trend di ricoprire con sassolini e ghiaia il giardino di casa: i giardini ghiaiosi sono belli e richiedono al contempo pochissime cure e acqua. In realtà, non è tutto oro quello che luccica: la ghiaia infatti può costare anche diverse centinaia di euro a tonnellata e dovrebbe essere completamente rimossa e sostituita ogni dieci anni. Inoltre, andrebbe pulita regolarmente con un soffiatore per foglie o una pompa ad acqua compressa – dispositivi rumorosi e che consumano molta energia elettrica.

(Leggi anche: Questo Stato in Germania ha vietato i giardini di ghiaia, troppo pericolosi per la biodiversità)

Inoltre, i sassolini si surriscaldano se colpiti dai raggi del sole: questo porta da una parte ad un aumento della temperatura dell’aria (un effetto simile a quello provocato dall’asfalto del manto stradale), dall’altra all’essiccamento della vegetazione già rada, non adatta a condizioni desertiche. Inoltre, un giardino ghiaioso dal punto di vista biologico rappresenta un ambiente morto, poiché non fornisce né cibo né un habitat adatto alla maggior parte degli animali e delle piante: i piccoli mammiferi e uccelli non trovano riparo e anche i rettili, generalmente amanti del calore, sono a disagio su una superficie sassosa e monotona come quella della ghiaia.

I giardini ghiaiosi sono allora da demonizzare del tutto? Non è detto: l’associazione ambientalista tedesca NABU propone qualche consiglio per riqualificare un giardino con la ghiaia e renderlo più ecosostenibile. Si potrebbe sostituire la massicciata (le pietre più grandi) con della ghiaia a grana più fine, e mescolare quest’ultima a del terriccio e del compost, in modo che il nostro giardino possa tornare ad essere un habitat accogliente per insetti e altri piccoli animali. Inoltre, la presenza di sassolini fini permette al terreno di drenare e conservare l’acqua piovana – questo eviterà a noi di dover sempre innaffiare il giardino e ci permetterà di risparmiare acqua.

Come riqualificare il proprio giardino ghiaioso

  • Innanzitutto verificare se vi sia una pellicola di plastica sotto la ghiaia ed eventualmente eliminarla e smaltirla correttamente. In questo modo acqua e microrganismi possono trasferirsi negli strati più profondi del suolo e le foglie possono accumularsi come nutrimento degli animali. Inoltre, non dimentichiamo che un telo di plastica nell’ambiente con il tempo finisce per degradarsi e rilasciare pericolosissime microplastiche altamente inquinanti.
  • Riempire la granulometria grossolana della ghiaia (che inibisce la germinazione e la crescita delle piante) con della sabbia o del calcestruzzo minerale.
  • Aggiungere poi il compost sulla superficie del giardino per nutrire le neonate piante e anche i piccoli animali: possiamo utilizzare i rifiuti compostabili provenienti da impianti certificati, oppure utilizzare i nostri rifiuti organici opportunamente triturati.
  • Infine, mescolare il terreno con l’aiuto di un rastrello, in modo che i composti possano integrarsi fra loro (la superficie dovrebbe diventare il più uniforme possibile).

Ora che il nostro giardino ghiaioso ecosostenibile è pronto, non ci resta che piantare. Possiamo scegliere piante aromatiche o piante selvatiche perenni, adatte ai luoghi asciutti e brulli. La natura ci ringrazierà!

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: NABU

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook