Gelo: 7 modi per proteggere le piante sul balcone

Il freddo siberiano sta arrivando e nei prossimi giorni l’ondata di maltempo, pioggia, neve e gelo toccherà tutte le regioni d’Italia, e se per noi è relativamente facile combattere il freddo, per le nostre piante da terrazzo è molto più difficile! Ecco una breve ma utile guida, redatta dalla Coldiretti, per superare in tutta tranquillità i cosiddetti “giorni della merla” ed evitare così che il freddo bruci i nostri fiori e piante.

1) Mettere le piante in un luogo riparato dal vento e dal freddo diretto: basta spostare i vasi sulle scale condominiali, negli androni degli ingressi (ma prima di farlo mettetevi d’accordo con i vostri vicini per evitare liti!), oppure in una cantina o in un garage. Le piante riusciranno a vivere bene anche senza luce, perché i giorni peggiori saranno solo quattro o cinque al massimo.

2) Se proprio non potete spostarle, mettete le vostre piante accanto ad una parete, rivolte contro il muro (in questo modo avranno più calore), meglio se esposte a sud, ed evitate di lasciarle vicine alle ringhiere o ad accessori di ferro, che gelano subito.

3) Inoltre, è opportuno – se possibile – mettere i vasi direttamente a terra, magari isolati dal pavimento freddo con uno strato di polistirolo, ed evitare di posizionarli su mensole o superfici alte, che espongono maggiormente le foglie all’aria fredda.

copertura_piante

4) Naturalmente, tutto questo va accompagnato da un’adeguata copertura! È bene avvolgere l’intera pianta con i teli bianchi di tessuto non tessuto (quelli che ricordano la carta-stoffa), mettendo i lembi che spuntano sotto al vaso: sono efficaci contro il gelo, traspiranti e anche economici (si trovano facilmente nei vivai o nei negozi di sementi).

5) In alternativa, si possono usare i teli in plastica, ma richiedono maggiori accortezze, perché bisogna chiuderli e aprirli periodicamente per evitare il formarsi dell’umidità.

6) Inoltre, occorre tenere il terreno asciutto e innaffiare il minimo indispensabile, evitando accuratamente il ristagno d’acqua, pericolosissimo per la pianta.

7) Infine, è necessario rinviare qualsiasi potatura a fine stagione, perché i rami e le foglie assicurano comunque una protezione contro il freddo, in grado di proteggere il cuore del ramo.

Verdiana Amorosi


Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook