Oleander leaves densely covered with scale insects. Mealy mealybug. Thick infestation, garden

Hai mai notato questi fiocchi bianchi e lanosi sugli alberi del tuo giardino? In realtà sono insetti che attaccano le piante in autunno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attacchi parassitari in autunno, quello che c’è da sapere i rimedi e le soluzioni da adottare per far star bene le nostre piante

Con l’arrivo dell’autunno, puntualmente si devono affrontare anche alcuni tipici problemi legati alla stagione. Le cimici per esempio cercano riparo fra le fronde e i fiori delle nostre piante ma non sono gli unici parassiti a cui dobbiamo prestare attenzione in queste settimane. 

Una curiosa lanuggine bianca

Se notiamo per esempio una soffice lanuggine bianca sulle foglie o sui rami dei nostri alberi, non siamo in presenza di uno strano fenomeno naturale bensì stiamo guardando una colonia di afidi lanosi. Ecco che la loro diffusine avviene proprio in questo periodo in tutta la fascia a clima continentale del pianeta. (Afidi: 10 rimedi naturali per proteggere le piante di orto e giardino senza prodotti tossici)

Perché sono fastidiosi

Questi piccoli esserini, si nutrono della linfa delle piante. Su un albero di altro fusto, non sono in grado di arrecare gravi danni. Ma rappresentano comunque un campanello d’allarme. Sì, perché dobbiamo sapere che ogni qual volta una pianta subisce un attacco parassitario, vuol dire che le sue difese immunitarie sono basse e questo può essere sintomo di un malessere generale. Esattamente come per gli esseri umani, un fisico sano ha migliori possibilità di difendersi dagli attacchi esterni di virus e batteri o comunque di non riportare conseguenze gravi. Mentre se le difese dell’organismo sono basse, allora anche un comune parassita come può essere un afide, può provocare seri danni a tutto l’apparato vegetativo. Un altro danno collaterale è causato dalla melata depositata dagli afidi. Si tratta di una sostanza dolce e zuccherina di cui le formiche per esempio sono molto ghiotte. Ecco che giardini e terrazzi si riempiono di una moltitudine di insetti indesiderati. Per finire, lanuggine e melata in grandi quantità, provocano ristagno di umidità e questo porta alla possibile proliferazione di muffe.

Ecco le soluzioni e i rimedi

Watering the garden with a hose with a spray

Non spaventiamoci troppo. La natura corre in nostro soccorso perché ai primi freddi e gelate questi parassiti muoiono e con loro anche le uova depositate. Se invece, il clima temperato dura a lungo, per evitare prolungati danni alla pianta possiamo utilizzare degli insetticidi sistemici naturali. Vi sono aziende che formulano questi prodotti nel pieno rispetto della biodiversità. La differenza rispetto ai comuni insetticidi, risiede nel fatto che queste sostanze entrano nel circolo linfatico. Gli afidi e tutti gli insetti succhiatori in generale, li trovano assai sgradevoli. Questa soluzione è particolarmente efficace per 6/8 settimane. Inoltre sono totalmente innocui rispetto agli insetti impollinatori, di grande importanza per tutto il mondo vegetale.

Se invece, non vogliamo utilizzare alcun prodotto specifico, abbiamo ancora la possibilità di rimuovere manualmente i parassiti. Se la pianta è grande e gli afidi sono tanti, possiamo farlo utilizzando la canna dell’acqua e un po’ di pressione. Questi verranno spazzati via. Mentre con le piante in vaso, possiamo effettuare un’accurata pulizia utilizzando uno bastoncino di cotone o uno stecchino rimuovendo uno ad uno gli ospiti indesiderati.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Sui parassiti delle piante ti potrebbero interessare anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ha 42 anni e ha studiato Lettere e Filosofia. È appassionata di cinema, letteratura e tematiche ambientali. Ama il mondo vegetale e tutto ciò che riguarda le piante e la loro cura.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook