Come realizzare vasi auto-innaffianti dalle bottiglie di vetro (o plastica)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come innaffiare le piante con l’acqua quando non ci siamo? Per prendervi cure delle vostre figliolette “verdi” quando siete costretti a stare lontano per un paio di giorni, c’è un modo semplice, economico e molto “green”: utilizzare delle bottiglie di vetro per realizzare un vaso che si annaffia da solo.

Basandosi sui principi della fisica, il vaso auto-irrigante assicurerà che le piante abbiano acqua sufficente quando serve, anche meglio di un sistema di irrigazione goccia a goccia. La prima cosa da fare per realizzare i vasi irrigatori è trovare diverse bottiglie di vetro (o plastica). Ci sarà bisogno anche di una piccola rete metallica e di un filo.

Se avete optato per le bottiglie di plastica, tagliarla sarà un gioco da ragazzi: utilizzate un coltello o un taglierino. Se, come nelle immagini, avete scelto il vetro per un più gradevole effetto estetico, bisogna tagliarlo molto attentamente. Possiamo comprare attrezzi specifici, ma possiamo anche utilizzare il metodo indicato in un nostro precedente articolo, servendoci di un filo. L’importante è non dimenticare di caretggiare bene il bordo per garantire che non ci siano spigoli vivi.

Dopo aver risolto il problema della bottiglia, il resto è una passeggiata. Prendiamo un pezzo di filo e adattiamolo alle dimensioni della bottiglia. Facciamo un piccolo taglio nella retina, attraverso cui passerà la stringa, e fissiamo con un nodo. Il filo deve essere abbastanza lungo da raggiungere il fondo del nostro nuovo vaso, in modo da sfruttare tutta l’acqua che metteremo a disposizione della pianta.

vasi autoinnafianti 2

Una volta pronto, inseriamo la rete nella parte superiore della bottiglia. Il cordoncino uscirà dal collo della bottiglia. Infine, riempiamo la bottiglia con un buon terreno e adagiamo le piante nella loro nuova casa. Mettiamo il collo di bottiglia a testa in giù in un recipiente pieno d’acqua. Ora si può partire per le vacanze tranquilli. Ma occhio a non stare troppo fuori: le piantine hanno bisogno di voi!

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Come tagliare la bottiglia di vetro con un filo in 10 mosse
I migliori metodi per annaffiare le piante quando partite per le vacanze

Come costruire un impianto di irrigazione a goccia con pochi euro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook