@Tmsara/123rf.com

Mirtillo: come coltivare in vaso o in giardino il frutto più costoso del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come coltivare i mirtilli in vaso o in giardino , quando piantarli, potarli e come prendersi cura della pianta

I mirtilli spontanei (Vaccinium myrtillus),  molto pregiati e ricercati per il loro gusto e per le loro proprietà benefiche, crescono in zone di montagna oltre il limite degli alberi, dove il suolo è acido e ricco di humus, in formazioni vegetali chiamate vaccinieti.

Questa specie è praticamente impossibile da coltivare fuori dal suo ambiente, per cui quando parliamo di mirtilli coltivati,  ci riferiamo ad altre specie come  i mirtilli siberiani, il mirtillo rosso e il mirtillo gigante americano. 

Come e quando piantare i mirtilli

piantare mirtilli

(c) fotohelin/123rf.com

I mesi di Marzo e Aprile sono perfetti per iniziare la vostra coltivazione, sia in vaso che in giardino: la cosa più importante è il tipo di terreno che andremo ad utilizzare che dovrà essere umido, ben drenato e acido, con un pH almeno  5,5, da sostituire al nostro se è alcalino (sopra 6.0).

Cercate di scegliere piante che abbiano almeno da 1 a tre anni di vita, in modo da poter godere al più presto dei vostri frutti e che siano robuste. 

Posizionate le piante in  un luogo soleggiato e riparato perché anche se i mirtilli tollerano l’ombra, al sole si ottengono raccolti migliori (e colori autunnali più belli), quindi evitate di piantarli vicino a grandi alberi.

Specie e varietà di mirtilli

Il mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum) è estremamente resistente, ha frutti grandi e rese elevate. Ha bisogno di un periodo significativo di freddo invernale per produrre i fiori e quindi i frutti ed è quindi ideale per le regioni del Nord Italia.

Mirtilli estremamente resistenti sono anche  V. angustifolium e V. myrtilloides, che hanno taglie più ridotte, mentre quelli che vengono chiamati mirtilli siberiani, in realtà, appartengono ad un’altro genere: Lonicera kamtschatica, che deve il nome alle sue origini, proviene dall’Asia orientale  dalla zona situata al confine tra Russia e Cina.

I frutti del mirtillo siberiano molto difficili da trovare in commercio, raggiungono una lunghezza di circa tre centimetri, hanno una forma allungata e sono più dolci dei mirtilli comuni. Questo particolare mirtillo, a differenza di altri, cresce bene in ogni tipo di terreno, anche se predilige quelli leggermente acidi. 

Mirtillo siberiano. (c) moka/123rf.com

Se abitate in zone più temperate in cui gli inverni non sono rigidi come richiedono i mirtilli di cui abbiamo parlato fino ad ora, è disponibile in commercio una specie di mirtillo a buccia rosa, un ibrido, quindi frutto di incroci naturali, ottenuti negli USA alla fine del secolo scorso e si chiamano Pink Lemonade.

Come scegliere le piante e curarle

Mentre alcune cultivar possono dare un raccolto equo da sole, tutte producono molti più frutti se piantate vicino a cultivar diverse che fioriscano in uno stesso momento per garantire il successo dell’impollinazione incrociata.

Al momento dell’acquisto, scegliete le piante che hanno più germogli alla base e al momento dell’interramento, almeno ad un metro l’una dall’altra,  tagliate completamente i gambi deboli per poi procedere a concimazione e pacciamatura con paglia o corteccia di pino. La potatura è raramente necessaria nei primi due anni, quando è meglio mirare semplicemente a un cespuglio a centro aperto, rimuovendo eventuali rami incrociati o fuori posto.

Potete potare le piante in qualsiasi momento durante la stagione dormiente (da novembre a marzo), ma idealmente a fine febbraio o all’inizio di marzo, quando i germogli dei frutti possono essere facilmente distinti dai germogli delle foglie. I boccioli grassi producono fiori e frutti, mentre i boccioli più piccoli e piatti formano germogli e foglie. Un cespuglio maturo dovrebbe contenere circa un terzo dei gambi vecchi, un terzo di mezza età e un terzo dei giovani.

La corretta irrigazione è molto importante, il mirtillo ha radici superficiali e richiede quindi un frequente apporto idrico: se  vivete in un luogo in cui l’acqua è molto ricca di carbonato di calcio cercate di utilizzare l’acqua piovana, in modo da non modificare il ph del terreno acido che avete utilizzato.Una o due volte all’anno si può aggiungere sostanza nutritiva , utilizzando concimi specifici per acidofile e magari apportare torba acida.  

Posso coltivare i mirtilli in vaso?

Certo! Sono facili da gestire e da proteggere da uccelli e malattie, in particolare perché in vaso +è più facile mantenere il suolo al giusto ph.

Per aver un buon risultato:

  • Usate un vaso di almeno 30 cm e terreno per piante acidofile come azalee e rododendri.
  • Posizionatelo in luogo soleggiato e mantenete il terreno umido coprendo la superficie con paglia, in modo da mantenere l’umidità 

Altri frutti da coltivare sul balcone:

Sui mirtilli puoi leggere anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook