Come coltivare le carote in vaso, nell’orto e dagli scarti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le carote sono ortaggi davvero semplici da coltivare nell’orto o in vaso. Vengono coltivate in tutto il mondo nelle zone temperate. La carota (Daucus carota) fa parte della famiglia delle Apiaceae. Potrete coltivare le carote in vaso o nell’orto, a partire da semi acquistati ma anche autoprodotti dagli scarti delle carote stesse.

Potete seminare le carote nel periodo considerato ideale per la coltivazione di questi ortaggi, cioè da febbraio ad agosto. Con un po’ di organizzazione potrete avere a disposizione carote fresche per tutto l’anno. Calcolate che dalla semina dovrete attendere circa 4 mesi per raccogliere le vostre carote.

Come coltivare le carote nell’orto

Le carote sono piante molto resistenti ma preferiscono temperature medie, comprese tra i 15 e i 25° C. Per questo motivo consigliamo di seminare verso la fine dell’inverno e a partire dall’inizio della primavera, quando il clima diventa più mite.

Terreni fertili, umidi e leggermente calcarei rappresentano il luogo ideale per la coltivazione delle carote. Quindi scegliete bene la zolla del vostro orto da dedicare a questi ortaggi. Il terreno dovrebbe essere perfettamente ripulito da sassi e pietruzze, per non ostacolare la crescita dell’ortaggio.

Le carote richiedono una concimazione moderata con compost organico. Non amano i terreni troppo ricchi di azoto. Durante l’estate, quando il clima diventa secco e il terreno si asciuga, potrete procedere ad annaffiare le carote anche due volte al giorno, la mattina presto e la sera. Per il resto dell’anno basterà una volta al giorno per l’annaffiatura, sia nell’orto che in vaso.

Per facilitare la semina delle carote potrete creare dei solchi nel terreno del vostro orto e delle piccole buche a distanza regolare, dove interrare i semi a 3 o 4 mm di profondità. Potete consociare la coltivazione delle carote nel vostro orto con l’aglio o con i porri, magari predisponendo semine su file alternate, in modo da proteggere le carote dalle malattie in modo naturale.

Come coltivare le carote in vaso

Coltivare la carote in vaso è una buona alternativa se non avete un orto a disposizione. L’importante è che i vostri vasi destinati alle carote siano abbastanza profondi in modo da ottenere ortaggi di dimensioni soddisfacenti.

La coltivazione delle carote in vaso con terriccio fresco e privo di sassolini può essere vantaggiosa per ottenere carote di forma irregolare. Nell’orto le carote potrebbero incontrare ostacoli inaspettati, come sassi e sassolini, e deformarsi o non raggiungere le dimensioni desiderate.

Preparate il fondo del vaso con un rivestimento di palline di argilla espansa. Riempitelo con terriccio naturale a cui aggiungerete una parte di compost casalingo come fertilizzante. Interrate i semi a circa 3-4 millimetri di profondità e ad una distanza di almeno 5 centimetri l’uno dall’altro.

Formate le piccole cavità in cui interrare i semi premendo sul terriccio con le dita o utilizzando una bacchetta per creare dei solchi. I semi di carota sono molto piccoli, maneggiateli con la massima cura e con attenzione. Anche al momento di raccogliere le carote agite con delicatezza.

Non strappatele dal vaso, ma spostate le terra ai lati ed estraetele delicatamente. Per proteggere le carote dai parassiti nel vostro orto sul balcone potrete piantare in ogni vaso un paio di spicchi d’aglio. Per coltivare le carote sul balcone scegliete vasi rotondi o rettangolari a seconda degli spazi da gestire. L’importante è che abbiano una profondità di circa 25-30 centimetri. Qui tutte le info.

Leggi anche: Orto sul balcone: le carote

Come coltivare le carote dagli scarti

Dagli scarti delle carote non otterrete nuovi ortaggi, ma nuovi semi che saranno utilissimi per il vostro orto tradizionale o per l’orto in vaso. Con questa tecnica coltivare le carote nell’orto sarà ancora più semplice ed economico.

Infatti vi basterà conservare l’estremità superiore delle carote, quella che di solito viene tagliata e gettata al momento della preparazione in cucina, perché è considerata una parte di scarto. Si tratta in realtà di una vera e propria miniera d’oro per i vostri semi, come insegna la permacultura.

Il metodo, molto semplice, è a disposizione di tutti grazie al video di La Huertina De Toni. Le estremità delle carote vanno posate in una ciotoline con un po’ d’acqua in modo che la parte superiore rimanga esposta all’aria. Via via si svilupperanno nuove parti verdi, nuovi fiori e nuovi semi. Qui tutte le istruzioni.

Leggi anche: Carote: come ottenere nuovi semi dagli scarti

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook