Bonus verde 2018: cosa comprende, requisiti e come richiederlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecobonus verde, quest’anno per la prima volta anche i giardini privati potranno usufruire di aiuti statali. Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il Consiglio dei Ministri ha approvato il bonus, successivamente è stato inserito nella nuova Legge di Bilancio 2018 ed è in vigore dal 1° gennaio di quest’anno.

Si tratta di una novità assoluta, una forma di sostegno alla diffusione del verde utile sia a combattere lo smog delle nostre città che a renderle più verdi e più a misura d’uomo.

Bonus verde, chi può richiederlo e cosa comprende

Secondo quanto pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate, ad averne diritto è chi possiede o detiene, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi per il quale ha sostenuto le spese oggetto del bonus.

Quest’ultimo spetta non solo ai proprietari ma anche per le spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. In questo caso, ad averne diritto è il singolo condomino.

Gli interventi detraibili sono i seguenti:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni (giardini, terrazzi, balconi)
  • impianti di irrigazione e realizzazione pozzi
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Bonus verde, a quanto ammonta

La detrazione Irpef va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo ed è pari al 36% delle spese sostenute nel 2018 per gli interventi appena citati. In ogni caso, la detrazione massima non potrà superare 1.800 euro per immobile, ossia il 36% di 5.000 euro, comprese eventuali spese di progettazione e manutenzione.

LEGGI anche:

Bonus verde, come richiederlo

È semplice. Basta che il pagamento delle spese avvenga tramite strumenti che consentano la tracciabilità come bonifico bancario o postale. La detrazione sarà ripartita come sempre in dieci quote annuali di pari importo e le ricevute di pagamento vanno allegate alla dichiarazione dei redditi.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook