@mulevich/123rf.com

Alloro: come coltivare l’albero in vaso e in giardino per avere a disposizione gratis le sue preziose foglie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’alloro è una pianta aromatica molto resistente da poter coltivare facilmente in giardino o in vaso per averlo sempre a disposizione 

L’alloro è una pianta aromatica sempreverde della famiglia delle Lauraceae in fiore, presenta foglie lucide di forma ovale e di uno splendido colore verde scuro, la consistenza è coriacea e sono comunemente usate come condimento da cucina.

Originario della regione mediterranea, è considerato uno degli alberi ​​più antichi. Ha anche altri nomi come alloro dolce, vero e greco. Piantato in giardino, può raggiungere un’altezza di 25-55 piedi, sebbene la maggior parte arrivi a 2-8 piedi se potato costantemente.

In primavera si formano piccoli ciuffi di fiori gialli, seguiti da piccole drupe viola che contengono un solo seme. Oltre ai vari usi in cucina, l’alloro può essere utilizzato come pianta ornamentale oppure in aggiunta a mazzi di fiori recisi e composizioni stagionali, come ghirlande e festoni natalizi. (Leggi anche: Foglie di alloro: 20 benefici per salute, capelli e bellezza)

L’alloro è una pianta abbastanza resistente, da poter coltivare sia in giardino sia in vaso. Predilige le zone soleggiate, mentre non ama molto il vento e le temperature rigide. Di seguito i nostri consigli per coltivare e riprodurre questa pianta.

Come coltivare e curare l’alloro

L’alloro predilige le zone soleggiate e dovrebbe essere piantato in primavera. Se desideri farlo crescere nel tuo giardino ti consigliamo di usare un terreno con compost organico o letame ben decomposto, a cui aggiungere un po’ di sabbia per migliorare il drenaggio e la stabilità della pianta. Utilizza un rapporto di una parte di sabbia o ghiaia frantumata extra-fine con sei parti di terreno arricchito.

Per la crescita in contenitore o in vaso, invece, assicurati che sia stato posato un bel po’ di materiale di drenaggio prima di piantarlo, e innaffia moderatamente evitando di inzuppare troppo le radici.

Inoltre, ricorda che per gli esemplari di grandi dimensioni occorre fornire protezione in caso di vento forte, perché può causare la rottura dei rami più deboli; in caso di inverni molto rigidi, è bene piantare l’alloro in vaso in modo da metterlo al chiuso in una stanza luminosa e fresca, ma se si trova in giardino sarebbe meglio disporre la pianta in un luogo riparato, coprendola con un telo in modo da proteggerla dalle temperature più gelide.

Fertilizzazione e rinvaso

Per quanto riguarda la fertilizzazione, ti consigliamo di effettuarla ogni due settimane, dalla primavera fino ad agosto, utilizzando un fertilizzante per tutti gli usi, oppure mensilmente per le piante interrate in giardino.

L’alloro va rinvasato ogni 2-3 anni, tagliando delicatamente circa un terzo delle radici e rimuovendo i primi due pollici di terreno, per poi essere ripiantato in un nuovo mix di terreno modificato. (Leggi anche: Ecco come usare l’alloro per riempire di energia la tua vita)

Come e quando potare l’alloro

I requisiti di potatura dipendono dalla taglia della pianta, se è stata coltivata in vaso, come arbusto o lasciata maturare in un albero a grandezza naturale.

Ecco come procedere:

  • Elimina le foglie o i rami morti e danneggiati in primavera. 
  • Gli alberi maturi e adulti possono essere potati ma è bene sapere che la ricrescita è lenta, quindi si consiglia una potatura ogni due o tre anni in modo da mantenere un po’ di verde mentre si forma la nuova crescita.
  • Per gli arbusti, invece, è meglio tagliare le foglie o le gemme più basse ed eventuali rami e polloni dalla parte bassa del tronco.

Quanto devono essere distanti le siepi di alloro

Se decidi di piantare siepi di alloro in giardino, in modo da creare una sorta di staccionata verde intorno a casa, ricorda che la spaziatura ideale per le piante da siepe di alloro è di 2 metri l’una dall’altra. Può sembrare una distanza molto grande, ma è sufficiente perché le piante diventeranno non solo alte ma anche larghe. A questa distanza la siepe crescerà sicuramente bene, anche se ci vorranno diversi anni.

Riproduzione dell’alloro: propagazione per talea 

piantina di alloro

@dianazh/123rf.com

Se desideri avviare le tue piante in un contenitore o spostarle, ricorda che l’alloro può essere facilmente trapiantato ; inoltre, puoi piantare le talee direttamente nel terreno.

Il momento migliore per prelevare talee da una pianta di alloro è in primavera, quando è nella fase di crescita. Per prelevare le talee ti consigliamo di usare delle cesoie affilate ed effettuare un taglio angolato sotto la gemma.

Dopo di che, occorre immergere immediatamente l’estremità tagliata nell’ormone radicante e piantarla subito. Non è necessario scavare una buca, perché basta attaccare il taglio nel foro e tamponare il terreno. Innaffia e lascia che le talee di alloro crescano fino all’autunno o fino alla primavera successiva. (Leggi anche: Alloro: gli straordinari benefici e come preparare l’infuso dalle mille proprietà)

Quanto tempo impiegano le talee di alloro a radicarsi?

Le talee inizieranno a crescere molto rapidamente, soprattutto se hai usato l’ormone radicante; infatti, non passerà molto tempo prima che tu possa vedere una nuova foglia o gemma, ma ricorda che la maggior parte dell’energia della pianta di alloro andrà nella crescita delle radici.

Se desideri evitare l’ormone radicante, ricorda ci sono diverse alternative naturali e organiche, come:

Parassiti e malattie

Resistente e facile da curare, l’alloro è una delle piante meno soggette a malattie e parassiti.

La macchia fogliare è spesso causata da un eccesso di acqua e dal fatto che le radici hanno ricevuto troppa umidità; quindi, assicurati che i vasi e i contenitori abbiano uno spesso strato di materiale di drenaggio sul fondo e abbastanza fori per consentire all’acqua in eccesso di scorrere facilmente. Nel terreno, invece, ti consigliamo di migliorare il drenaggio inserendo sabbia o ghiaia extra fine.

Se le macchie persistono, nonostante un buon drenaggio, è probabile che il terreno si sia impoverito di sostanze nutritive e, di conseguenza, occorre rinvasare in primavera utilizzando abbondante compost ricco e organico. (Leggi anche: Malattie delle piante aromatiche: come riconoscere e debellare parassiti, funghi e muffe che colpiscono le tue erbe)

Le foglie gialle si presentano in piccole quantità ogni anno quando si verifica una nuova crescita. L’ingiallimento può verificarsi anche nelle piante in vaso, e il problema è solitamente causato da una carenza di nutrienti, danni alle radici causati da terreno troppo ricco di acqua o danni dovuti all’eccessivo freddo.

Per risolvere questa problematica, è bene applicare un fertilizzante generico ogni due settimane per migliorare il contenuto di nutrienti, assicurarsi che la pianta abbia un drenaggio adeguato e potare il legno danneggiato in primavera.

Curiosità sulla pianta di alloro

La pianta di alloro può essere usata per vari scopi, di seguito i principali:

  • Protegge le piante vicine da tarme e insetti ostili.
  • Le foglie secche possono essere messe in contenitori di riso o altri cereali per respingere gli insetti.
  • Le foglie possono essere utilizzate per produrre un colorante verde chiaro.
  • Il legno può essere aggiunto alle griglie e agli affumicatori per dare un sapore dolce e affumicato al cibo.

Usi in cucina

Le foglie di alloro sono un noto ingrediente da cucina e possono essere utilizzate sia essiccate sia fresche o congelate per condire salse, zuppe, cereali e verdure arrostite.

Le foglie secche sono più adatte per arricchire piatti a cottura lenta, mentre quelle fresche o surgelate possono essere utilizzate per insaporire in modo delicato risotti e verdure. Queste possono essere raccolte in qualsiasi momento durante tutto l’anno, ma il sapore sarà migliore in estate e le foglie grandi e mature sono più gustose e fragranti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook