fiore-carciofo

Non siamo di certo abituati a vederlo così, perché arriva nelle nostre tavole molto prima, eppure il carciofo ha un bellissimo fiore color lavanda. È noto come Cynara ed è un fiore molto sensibile al freddo per questo cresce nelle regioni con clima mite, come quelle del Mediterraneo.

Del carciofo mangiamo le foglie, quindi il fiore dove sta? Si trova nel cosiddetto cuore, la parte morbida al suo interno, insomma se non è ancora sbocciato finiamo per mangiarlo, al contrario se il carciofo viene raccolto troppo tardi, inizia a crescere sotto forma di filamenti (peletti) con una consistenza non piacevole al gusto.

Tecnicamente quindi, se viene lasciato sulla pianta, le brattee sviluppano l’infiorescenza interna di colore acceso tendente all’azzurro. Fiori che una volta impollinati danno vita agli acheni, molto simili ai soffioni del tarassaco.

Guardate questa immagine:

fiore carciofo

Il fiore non raccolto solitamente sboccia a fine luglio e dona allegria all’orto per circa dieci giorni con il suo colore, poi inizia a seccare.

fiore carciofo1

Ma la pianta, al contrario, è perenne, solo che per la riproduzione si usano i carducci, ovvero i germogli, in questo video è ben spiegato come coltivare i carciofi:

I carciofi sono i protagonisti dell'inverno in cucina, li troviamo infatti da fine novembre all’inizio di primavera. La pianta può crescere anche un metro e cinquanta e oggi è popolare in tutto il mondo soprattutto perché le sue proprietà non sembrano finire mai. Sono fonte di ferro, di sali minerali, betacarotene, di fibre, contengono vitamine del gruppo B, C e ancora hanno proprietà antiossidanti, epatoprotettive, afrodisiache e anticellulite.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

 

 

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram