Cimice asiatica

Autunno tempo di cimici. Soprattutto con l’arrivo del primo freddo notturno, infatti, cominciano a farsi avanti impetuosi, specie in alcune città del nord Italia, veri e propri sciami di cimici. Ma ora ce n'è un tipo in più: la cimice asiatica. Proprio così: le temperature non proprio di stagione e il clima umido e mite stanno favorendo l’ingresso dalle nostre parti anche della cimice marmorata asiatica. Ma cosa sono le cimici asiatiche? Quali sono i danni che provocano e come allontanarle con metodi naturali?

È così da un paio di anni: oltre alle comuni cimici autoctone di un verde chiaro, si sono aggiunti questi nuovi insetti, di colore più scuro, che tra l’altro sono molto dannosi per le colture.

Durante l’autunno le cimici asiatiche vanno in cerca di un luogo caldo, come le case, dove possono intrufolarsi anche a migliaia e anche tra i panni stesi o tra gli interstizi delle finestre. Sono assolutamente innocue per l’uomo, ma molto fastidiose e, ahinoi, molto dannose per l’agricoltura, per cui sarebbe utile trovare il miglior metodo per allontanarle.

Cosa sono le cimici asiatiche e i danni che provocano

cimice asia foglia

A differenza della cimice verde (Nezara viridula) tipica delle nostre zone, la cimice asiatica (Halyomorpha halys), ha un colore più scuro e maculato, con zampe e antenne più lunghe. Originaria della Cina, del Giappone e del Taiwan, la cimice asiatica sarebbe stata accidentalmente introdotta negli Stati Uniti con i primi esemplari esaminati nel settembre del 1998. In Italia il primo esemplare è stato rinvenuto in provincia di Modena nel settembre 2012.

Ad oggi, la cimice asiatica è da noi tristemente famosa perché in grado di distruggere i raccolti nei frutteti, negli orti e le coltivazioni di soia e di mais nel nord Italia. Halymorpha halys è infatti un insetto infestante altamente polifago che può causare danni alla frutticoltura (soprattutto alle Rosaceae) e all'orticoltura (soprattutto alle Fabaceae). Si tratta di un insetto che per nutrirsi buca i tegumenti della pianta ospite con l’apparato boccale modificato. Una modalità di alimentazione che comporta tra le altre cose la formazione di fossette o di “aree necrotiche” sulla superficie esterna dei frutti, la punteggiatura delle foglie, la perdita dei semi e l’eventuale trasmissione di fitopatogeni .

Gli adulti sono lunghi poco meno di 2 centimetri e hanno la tipica forma a scudo delle altre cimici. Hanno varie tonalità di bruno sulla parte superiore e le zampe sono marroni con piccole chiazze bianche o strisce. Lo sbocco delle ghiandole odorifere è sul lato inferiore del torace, tra la prima e la seconda coppia di zampe, e sulla superficie dorsale dell’addome: se schiacciata, la cimice asiatica emette un odore più forte e sgradevole rispetto a quella verde.

Nei luoghi di origine, si ha una sola generazione in un anno, in altre parti anche quattro. Le femmine si accoppiano più volte di seguito e depositano tra 100 e 500 uova, con una media di circa 250 uova. Il tempo di sviluppo degli esemplari adulti varia a seconda della temperatura e della dieta.

I rimedi naturali per tenere lontane le cimici asiatiche da casa

Il clima caldo, le piogge che non arrivano e la presenza di una fitta vegetazione sono tutti fattori che favoriscono la proliferazione delle cimici asiatiche.

Per evitare che questi insetti entrino in casa basta qualche piccola accortezza:

  • mettere delle zanzariere o delle reti anti-insetto alle finestre, attorno ai comignoli dei camini non in uso e sulle prese d’aria
  • sigillare crepe e fessure
  • raccogliere manualmente gli insetti
  • usare uno spray all’aglio. Si sa che l’aglio è uno degli antiparassitari naturali più efficaci per proteggere dagli insetti orto e piante in vaso. Potreste piantare un bulbo d'aglio nei vasi del vostro orto sul balcone o nell'orto piantare delle file di bulbi d'aglio tra un'aiuola e l'altra
  • preparare un decotto all’artemisia. Si tratta di un rimedio dell'agricoltura naturale così come anche il decotto di cipolla, il macerato d'ortica e il decotto di tanaceto
  • usare reti per la copertura delle coltivazioni e tessuto non tessuto per riparare le piante
  • spray al sapone di Marsiglia, da spruzzare di tanto in tanto sulle piante come repellente per le cimici e per gli afidi
  • controllare il bucato, perché capita non di rado che le cimici si nascondano tra i panni stesi all’esterno

Leggi anche: Rimedi naturali per tenere lontano gli insetti: la guida

Come arginare l’invasione delle cimici asiatiche

cimice tessuto

Avere cura dell’orto e delle coltivazioni è la prima fondamentale regola. Sappiate infatti che già la presenza di afidi e cocciniglie potrebbe richiamare la cimice asiatica.

Messi da parte gli insetticidi che risultano poco efficaci e possono essere solo dannosi per la nostra salute (oltre che per l’ambiente), se non c’è un’infestazione vera e propria e ci sono solo pochi esemplari di cimice asiatica sulle coltivazioni, si può utilizzare una soluzione liquida di acqua e sapone di Marsiglia.

Tra i prodotti ammessi in agricoltura biologica contro le cimici asiatiche si possono utilizzare:

Su fertilizzanti e agricoltura bio puoi leggere anche:

Ricordatevi, inoltre, che le cimici raccolte non dovete liberarle all'esterno, per evitare che si annidino altrove e che la primavera successiva ritornino in campagna a danneggiare nuovamente le coltivazioni.

Germana Carillo

 

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram