bastoncini liquirizia coltivare liquirizia

Sapevate di poter coltivare la liquirizia in giardino o in vaso? Se amate la radice di liquirizia o le caramelle alla liquirizia e avete il pollice verde, ecco qualche consiglio per voi in modo che possiate prendervi cura della vostra piantina di liquirizia.

La pianta di liquirizia ha un nome botanico che la identifica come Glycyrrhiza glabra. È una pianta erbacea perenne che può raggiungere l'altezza di un metro e oltre. Gli estratti vegetali a base di liquirizia vengono ottenuti dalla radice di liquirizia grazie alla bollitura.

Vengono utilizzate le radici di piante di tre o quattro anni. Le radici di liquirizia vengono raccolte durante l'autunno e vengono essiccate. Ecco così i classici bastoncini di liquirizia che qualcuno ama masticare e che in erboristeria si utilizzano per preparare delle tisane.

La pianta di liquirizia era popolare in Asia ed Egitto già in tempi antichi. Arrivò in Europa nel XV secolo grazie ai frati domenicani. In Asia la liquirizia viene utilizzata già da 5000 anni. La medicina cinese la impiega in caso di tosse, intossicazioni alimentari e disturbi del fegato. In Italia le regioni principali in cui la liquirizia viene coltivata e prodotta sono la Calabria e l'Abruzzo.

Le piante di liquirizia amano terreni morbidi, sabbiosi e collocati in pieno sole. Fate attenzione ai terreni sassosi, che potrebbero ostacolare lo sviluppo delle radici. Durante la fioritura la liquirizia sviluppa fiori di colore bianco, tendente talvolta al lilla. Potrete coltivare vostra liquirizia a partire dai semi. In commercio si trovano, ad esempio, semi biologici di liquirizia. Della liquirizia potrete raccogliere sia le radici che le foglie, che hanno proprietà cicatrizzanti e antibatteriche.

LA SEMINA DELLA LIQUIRIZIA

La semina della liquirizia avviene nei mesi di febbraio e marzo. Per la semina, disponete i semi sul terriccio e copriteli con uno strato di terra sottile. Potete conservare i vasetti in casa vicino ad una finestra se le temperature esterne non sono ancora abbastanza miti.

La raccolta delle radici di liquirizia ha luogo da settembre a novembre, a partire dal terzo anno di vita della pianta. Le radici di liquirizia vengono utilizzate in erboristeria e in cucina dopo l'essiccazione.

La pianta di liquirizia è tipica del Mediterraneo ma può crescere anche dove gli inverni sono più rigidi. Potete decidere di piantare i semi di liquirizia nel luogo più soleggiato del vostro giardino oppure di seminare la liquirizia in vasi da porre al riparo durante gli inverni freddi.

In alternativa all'acquisto dei semi di liquirizia, potrete richiedere le piantine di liquirizia presso il vostro vivaio di fiducia. Per la liquirizia ad uso alimentare e curativo – dunque non solo ornamentale – è opportuno scegliere piantine biologiche. Per un buon sviluppo delle radici è consigliata la coltivazione della liquirizia soprattutto in giardino. In alternativa cercate di utilizzare dei vasi profondi in quanto la radice commestibile si trova almeno a 50 centimetri di profondità.

All'apparenza la liquirizia è una pianta esile ma risulta in realtà molto resistente e ha bisogno di poche cure. Crescerà senza problemi anno dopo anno soprattutto in un clima mite dove gli inverni non sono eccessivamente freddi. Le piante di liquirizia superano il metro di altezza e possono raggiungere anche i due metri. Quindi sia in vaso che in giardino a seconda dello spazio a disposizione saranno necessarie delle potature.

pianta di liquirizia

fonte foto: actafungorum.org

Le piante di liquirizia necessitano di poca acqua. Potrete innaffiarle ogni 2 settimane con 3 bicchieri d'acqua. Un apporto eccessivo di acqua fa marcire le radici. Se la vostra liquirizia si trova in giardino, probabilmente durante i periodi piovosi non serviranno particolari annaffiature. Dovreste innaffiare la liquirizia soltanto quando il terreno è asciutto. Per quanto riguarda la concimazione, alla liquirizia sono adatti i concimi azotati.

liquirizia pianta

fonte foto: wikipedia.org

La raccolta delle radici di liquirizia avviene scavando in profondità, anche fino a mezzo metro. Ecco perché nel caso vogliate raccogliere le radici di liquirizia e non utilizzarla solamente come piantina ornamentale, sarà opportuna la coltivazione in giardino.

Attenzione. Il consumo di liquirizia in alte dosi presenta alcune controindicazioni dovute al principio attivo contenuto nella liquirizia, chiamato glicirizzina. Questa sostanza ad alte dosi può provocare aumento della pressione, ritenzione idrica, mal di testa e gonfiore alle caviglie.

Marta Albè

Fonte foto: fhl.bg

Leggi anche:

Liquirizia: proprietà, usi e controindicazioni
Liquirizia, pianta del 2012: utilizzi e benefici

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog