I 14 Pinguini tornati in libertà, il commovente ritorno in natura

Come si coltiva il glicine dalle talee: tutti i consigli per una fioritura perfetta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopri come coltivare il glicine dalle talee. Ecco i consigli più utili per radicare le talee di glicine e avere una fioritura impeccabile.

Coltivare talee di glicine non è affatto difficile. La prima cosa da fare è procurarsi le talee attraverso la potatura, oppure più semplicemente prelevandole dalla pianta per poi procedere con il radicamento.

Le talee di glicine devono essere prelevate dal legno ancora verde, che non abbia sviluppato la corteccia legnosa. Il taglio deve essere lungo dai 7,5 ai 15 cm, e avere almeno due serie di foglie. Le talee di glicine radicano meglio se prese in tarda primavera o all’inizio dell’estate. (Leggi anche: Glicine: la leggenda della fioritura (e il significato)

Preparare le talee di glicine per il radicamento 

Una volta che hai prelevato la talea, rimuovi tutti i gruppi di foglie che si trovano nella metà inferiore. Questi saranno i punti principali in cui si svilupperanno nuove radici. 

Taglia in modo che il nodo più basso, ossia dove si trovavano le foglie appena rimosse, si trovi da 1 a 6 millimetri dal fondo del taglio; se ci sono boccioli di fiori sulla talea, puoi rimuoverli. (Leggi anche: Le coloratissime cascate di glicine dei balconi di Torino (FOTO)

Piante di glicine rampicanti

Per il glicine rampicante occorre preparare un vaso con terriccio ben drenante e completamente inumidito. Immergi l’estremità della talea nel terriccio, usando un dito o un bastoncino; una volta posizionato sul fondo, premi delicatamente il terreno attorno ad esso.

Copri il vaso con la plastica, mettendo un involucro sulla parte superiore del vaso oppure mettendo l’intero vaso in un sacchetto di plastica. È importante che la plastica non tocchi le talee, per fare ciò puoi tenere sollevato il telo con con dei bastoncini.

Perché inserire una copertura in plastica? Questo materiale aiuta a trattenere l’umidità, il che facilita la propagazione del glicine dalle talee. Posiziona il vaso in un luogo soleggiato, ma che non riceva la luce diretta del sole. Controlla spesso il terreno e annaffia quando è asciutto al tatto. (Leggi anche: Moltiplicare le piante grasse non è mai stato così facile: le tecniche per le talee perfette)

Le talee dovrebbero essere radicate in circa quattro-sei settimane. 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook