Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

State costruendo o ristrutturando casa, volete ridurre le dispersioni e cercate una soluzione sostenibile per le finestre? I serramenti in PVC con ThermoFibra, oltre a garantire elevate prestazioni, sono ecologici e riciclabili al 100%.

L’importanza delle finestre nella costruzione e nella ristrutturazione

Valutare l’impatto ambientale delle nostre scelte è sempre più importante perché solo rispettando l’ambiente potremo garantire un futuro a noi e al Pianeta. Una delle principali fonti di inquinamento è proprio la nostra casa che, se costruita o ristrutturata con materiali di scarsa qualità o poco performanti, può innalzare notevolmente le emissioni atmosferiche.

Chi decide di costruire una nuova abitazione o di recuperare una casa già esistente dovrebbe dunque porre attenzione nella scelta delle materie prime e optare per prodotti realizzati in modo sostenibile, riciclabili e capaci di garantire un buon isolamento, così da evitare dispersioni di energia. In questo contesto, la scelta delle finestre è davvero fondamentale.

Serramenti di qualità, infatti, consentono di mantenere la casa più calda durante l’inverno e più fresca d’estate, riducendo i consumi legati al riscaldamento e al condizionamento e, di conseguenza, gli sprechi di energia e le emissioni. Scegliere finestre capaci di isolare l’appartamento ci permette dunque di risparmiare e di tutelare l’ambiente.

Perché scegliere serramenti in PVC

Nella scelta del materiale per i serramenti, il PVC è sicuramente una delle opzioni più efficienti e sostenibili poiché consente di isolare al meglio la casa, riducendo contemporaneamente e notevolmente l’utilizzo di materie prime, l’inquinamento ambientale e l’emissione di gas serra in atmosfera sia durante la produzione sia durante il suo ciclo di vita.

Un tempo i serramenti in PVC erano visti come un prodotto usa e getta dall’enorme impatto ambientale ma oggi, anche grazie allo sviluppo tecnologico, è considerato una materia prima pregiata. Questo perché il PVC usato per produrre serramenti ha una durata media di circa trentacinque anni e può essere riciclato fino a dieci volte, mantenendo intatte e addirittura accrescendo le sue proprietà. Quando il PVC viene recuperato, infatti, i trattamenti per riciclarlo aumentano la polimerizzazione rendendolo più plastico e ancora più performante. Il PVC può quindi essere sfruttato per ben 350 anni migliorando nel tempo le proprie prestazioni, con grande vantaggio per l’ambiente e per la materia prima stessa. 

Cos’è la ThermoFibra

La ThermoFibra è una tecnologia brevettata dall’azienda Deceuninck, realtà attiva da oltre 80 anni per offrire serramenti performanti e sostenibili. Con ThermoFibra si intende un processo di coestrusione di fasci di fibra di vetro continua nelle pareti esterne dei profili.

Rispetto alle normali tecnologie la ThermoFibra garantisce un maggior isolamento termico e acustico: le finestre raggiungono valori Uf eccezionali, pari a 0,88 W/m2K. Con vetri adatti si possono garantire perfino prestazioni da Passive House.

I profili in PVC con ThermoFibra inoltre non contengono acciaio e questo offre maggiore leggerezza senza sacrificare resistenza, caratteristica particolarmente importante per serramenti di grandi dimensioni.

I serramenti, oltre che sostenibili e performanti, sono poi caratterizzati da un design che offre personalizzazione, massima luminosità e sicurezza, grazie a vetri antieffrazione, telai minimal possibilità di scelta tra una grande gamma di modelli e colori a prezzi accessibili.

Serramenti sostenibili e riciclabili

Come abbiamo visto, il PVC è un materiale che dura nel tempo e che può essere riciclato completamente fino a dieci volte quando è necessario sostituirlo. I serramenti Deceuninck possono essere recuperati al 100% in ogni loro elemento e vengono riciclati in un centro di proprietà dell’azienda, in Belgio. Lo stabilimento è attivo dal 2012 e consente di ridare nuova vita alle finestre, riciclando fino a 50mila tonnellate di PVC all’anno riducendo in modo notevole l’impatto ambientale dell’azienda.

Si tratta del più grande impianto di lavorazione in Europa, che elabora il PVC da rifiuti industriali, post-produzione e proveniente dalla sostituzione dei serramenti. Il processo di riciclaggio è altamente automatizzato e altamente efficiente: i profili vengono triturati, selezionati in base a colori e materiali, ripuliti da eventuali impurità e infine granulati per diventare nuova materia prima.

Nell’ottica di un’economia circolare, il PVC recuperato, così come i profili contenenti rinforzi in acciaio o fibra di vetro, viene trasformato in un materiale secondario che mantiene la qualità della materia prima di partenza e può essere sfruttato per produrre nuove finestre ugualmente performanti, risparmiando nuove risorse ambientali e riducendo l’impronta ecologica.

Per ogni chilogrammo di PVC recuperato vengono infatti evitati 2 kg di anidride carbonica che finirebbe nell’atmosfera se si utilizzasse materiale di nuova produzione. Non solo: riciclare consente anche di risparmiare energia elettrica e riduce sensibilmente i rifiuti, dando nuova vita alle finestre.

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook