cantina_fai-da-te

Quante volte vi sarete trovati a dover affrontare l'accelerata maturazione di frutta e verdura a contatto con l'aria: la naturale alterazione di questi alimenti è causata da una veloce disidratazione che ne guasta la freschezza. Per ovviare a tale inconveniente, abbiamo per voi un consiglio che risolverà questo grosso grattacapo, con un risparmio di tempo e denaro.

L'ideale sarebbe avere una cantina, un luogo fresco dove poter “conservare” la frutta e la verdura senza doverle necessariamente proteggere con sacchetti di plastica poi difficili da smaltire. Purtroppo, non tutte le case sono fornite di questo tipo di “dispensa”. Ma non disperate, esiste un modo e qualche piccolo accorgimento fai-da-te che potete tranquillamente mettere in pratica.

Innanzitutto dovete fare attenzione a come conservate gli alimenti. . Alcune verdure non vanno d'accordo con certi tipi di frutta e viceversa. Le mele, ad esempio, come i meloni, le banane e le pere, contengono un gas etilene in grado di deteriorare le verdure. Inoltre, bisogna tener conto del fatto che alcuni tipi di frutta e verdura sono sensibili al freddo, perciò vanno conservati con cautela.

Proprio per questa categoria così sensibile, dagli agrumi ad alcuni ortaggi, un luogo fresco come la cantina sarebbe l'ideale. E allora, come rimediare alla mancanza di uno spazio simile? È possibile ricreare lo stesso ambiente con un metodo che si, richiede un po' di lavoro, ma prima di tutto con alcuni semplici passaggi ed un investimento esiguo.

Una volta raccolta la frutta e la verdura dal vostro orto, per difenderla dal freddo, o prima che gli ortaggi acquistati rischino di marcire, potete sfruttare un deposito sotterraneo per ortaggi fai-da-te, creato scavando una buca nel terreno ed inserendovi un contenitore per rifiuti in metallo o ancora meglio, una botte in legno.

Dovrete inserire il corpo del contenitore nella sua quasi totalità, lasciando fuori soltanto qualche centimetro. Attorno alla zona dove andrà il coperchio, lasciando un po' di spazio, innalzate - tutt'attorno - una sorta di barriera di terra che funga da protezione dall'acqua, protezione che andrà circondata - all'esterno - da un canale di drenaggio. Concludete con un telo anti-pioggia sulla parte superiore.

È vostro compito poi tenere sempre pulita la zona di stoccaggio, facendo attenzione che non ci sia niente in fase di decomposizione: come dicevamo, alcuni tipi di frutta accelerano il disfacimento delle verdure con cui entrano a contatto. L'ideale sarebbe avere due “cestini” di stoccaggio separati, in base a quelle che sono le regole da noi elencate e così avrete i vostri prodotti freschi per tutto l'inverno.

Sebastiano Piras

 


forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram