Veterano di guerra sul letto di morte in ospedale è riuscito a rivedere per l’ultima volta il suo amato cane

Vincent e il suo cane uniti fino alla morte

Non aveva familiari nelle vicinanze, nessuno che potesse prendersi cura del suo cagnolino in caso di necessità se non lui, John Vincent, veterano del Vietnam, che condivideva la sua vita con l’amico a quattro zampe, uno Yorkshire Terrier di 5 anni di nome Patch.

Lo aveva preso dalla cucciolata di un vicino di casa, scrive l’abqjournal, era abbastanza piccolo da poterlo portare in bicicletta, proprio come desiderava Vincent, che se ne innamorò all’istante.

Finché, all’età di 69 anni, l’uomo è stato ricoverato in ospedale ad Albuquerque, in New Mexico, per poi essere trasferito in un’altra struttura ospedaliera. E ha dovuto abbandonare il suo cucciolo, che nel frattempo è stato portato al rifugio Albuquerque Animal Welfare.

In situazioni simili i cani, infatti, finiscono in strutture come questa, senza mai più rivedere i loro proprietari, ma Vincent, a cui ormai rimanevano pochi giorni di vita, aveva espresso il desiderio di rivedere il suo amico per un ultimo saluto. Desiderio che è stato fortunatamente esaudito.

Il direttore di Animal Welfare è stato infatti contattato da un’assistente sociale di cure palliative che gli ha chiesto di portare il cane in ospedale.

Non appena il cane è arrivato in loco ha cominciato ad agitarsi, come se avesse intuito che lì c’era il suo proprietario, ed entrando nella sua stanza si è subito lanciato sul letto di Vincent scambiandosi con lui amorevoli coccole.

Mentre Patch gli leccava viso e collo, Vincent ha esclamato:

“Sì, sono io, quello è papà. Sei così felice di vedermi? Sono cosi felice di vederti.”

I responsabili del rifugio e lo staff ospedaliero hanno deciso di lasciare Patch vicino a Vincent per tutto il giorno, in modo che le ultime ore di vita del veterano potessero essere un po’ gioiose.

Ora Patch ha dovuto ritornare al rifugio ma la sua storia è diventata virale e tantissime persone si sono proposte per l’adozione e, stando agli ultimi aggiornamenti sembra abbia trovato una famiglia. Una storia, almeno in parte, a lieto fine!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook