Fucilati per strada: la strage dei cani in Marocco in vista dei Mondiali 2026 (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’altra faccia dei Mondiali 2026 è l’ennesima strage di randagi. Questa volta, i cani sono stati uccisi a fucilate nel weekend tra il 7 e l’8 aprile in Marocco, paese candidato ad ospitare l’evento sportivo. E in vista di una visita degli ispettori Fifa, gli animali sono stati fatti sparire.

ATTENZIONE IMMAGINI FORTI

Sono immagini crudeli e drammatiche quelle che circolano in queste ore sui social network dove viene mostrato il massacro di cani. È successo nelle strade di Taghazout, un paese del Sud del Marocco e ancora ad Aourir e nella famosa Agadir, secondo quanto denuncia, l’italiana Stray Dogs International Project, l’associazione che da tempo nel Paese ha avviato un progetto di convivenza pacifica tra uomini e randagi della zona.

“Persone armate di fucili, incaricate di compiere un massacro di cani, hanno proceduto a un abbattimento indiscriminato in alcuni paesi del sud del Marocco, uccidendo e ferendo anche cani già sterilizzati e castrati. Tutto è avvenuto sotto gli occhi di turisti spaventati per quanto stava accadendo”, scrivono.

La loro colpa? Quella di non essere graditi qualora il Marocco dovesse ospitare i Mondiali di calcio nel 2026, non a caso questa mattanza corrisponde alla visita dei funzionari Fifa che ha lo scopo di capire se il Marocco può battere la triade Stati Uniti/Messico/Canada e diventare quindi il Paese ufficiale. La stessa identica cosa era successa a Sochi nelle Olimpiadi del 2014 e ancora agli Europei del 2012 in Ucraina. Anche in passato, a pagarne le spese sono stati centinaia di cani.

In Marocco il tutto appare più paradossale, perché proprio qui Stray Dogs International Project con il l lavoro degli educatori cinofili Clara Caspani e Lorenzo Niccolini, era stato dimostrato che la convivenza con i randagi non solo è possibile, ma è anche ben riuscita.

A denunciare questo sterminio ci sono anche altre associazioni locali come Le coeur sur la patte che, sostenuta anche dalla Fondazione Brigitte Bardot, lavora da molto tempo su questo territorio e nel 2016 ha firmato una convenzione con le istituzioni locali, per promuovere vaccinazioni e sterilizzazioni.

Cosa puoi fare tu

Sono state lanciate due petizioni on line, una indirizzata al re de Marocco e l’altra rivolta al Ministro degli Interni e al Capo del Governo per cercare di fermare questo inutile massacro, contribuisci anche tu, firmandole.

Stop the killing of stray dogs in Aourir/Tamraght/Taghazout: FIRMA QUI

MAROC – STOP AU MASSACRE DES CHIENS ERRANTS: FIRMA QUI

Una strage senza fine:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook