Processionaria, è allarme per colpa del caldo: torna (in anticipo) l’insetto pericoloso per cani e bimbi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attenzione, sono tornate! La Primavera anticipata e l’eccessivo caldo, ha riportato il problema delle processionarie. Si tratta di lepidotteri che, allo stadio larvale, appaiono come bruchi ricoperti da una fitta peluria urticante pericolosa per l’uomo e soprattutto per i cani.

In Italia sono presenti la processionaria del pino e della quercia: entrambe le specie parassitano le piante su cui nidificano dunque bisogna prestare particolare attenzione se si hanno queste piante in giardino o se tali alberi sono presenti nelle aree in cui si porta a passeggio il proprio cane. Più raramente la processionaria può essere presente anche su altre piante giovani tra cui castagni, betulle, larici e faggi.

Con l’arrivo delle belle giornate, i bruchi scendono dai tronchi in processione verso il terreno: generalmente ciò avviene a partire dal mese di marzo, ma quest’anno, a causa delle temperature particolarmente miti, potremmo incontrare l’insetto nei boschi, nei giardini e nei parchi già dalla fine di febbraio.

Una volta scesa a terra, adulti, bambini e amici a quattro zampe, possono entrare in contatto con la pericolosa processionaria. Nell’uomo, i peli della processionaria a contatto con la pelle o inalati provocano orticaria, tosse e difficoltà respiratorie, mentre nel cane le conseguenze possono essere molto più gravi.

In seguito al contatto dei peli della processionaria, il cane mostra infatti evidenti sintomi che includono importanti irritazioni a carico della pelle, degli occhi, delle mucose e delle vie respiratorie, oltre a salivazione eccessiva, febbre, vomito e diarrea ematica in caso di ingestione.

I peli della processionaria possono provocare danni gravissimi, dalla necrosi dei tessuti colpiti fino alla morte dell’animale.

Gli esperti consigliano di intervenire tempestivamente lavando la bocca del cane con una soluzione di acqua e bicarbonato e di rivolgersi immediatamente a un veterinario.

Fonti di riferimento: OrthoVetHealth/Ti presento il cane

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook