@Absolutimages/123rf

Porcellino d’India: cose che devi assolutamente sapere prima di adottarne uno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come prendersi cura in modo adeguato del porcellino d’India, animale esotico che sarebbe meglio non comprare mai, al massimo adottare

Il porcellino d’India detto anche Cavia porcellus è una specie domestica di roditore sudamericano, appartenente alla famiglia delle Caviidae. Si caratterizza per avere un corpo robusto con arti corti, testa e occhi grandi e orecchie corte. I piedi hanno una pianta glabra e artigli piccoli ma molto affilati. 

Esistono diverse razze di porcellini d’India, che a volte sono raggruppate in base alla consistenza del mantello e alla lunghezza del pelo.  

E’ bene sottolineare che, così come i criceti, anche i porcellini d’India non andrebbero acquistati, ma sarebbe meglio adottarli in modo da non alimentare il commercio illegale di animali esotici.

Porcellino d’India: cos’è

Tra i roditori, i porcellini d’India domestici sono piuttosto grandi, con un peso compreso tra 500 e 1.500 grammi e un corpo lungo da 20 a 40 cm. La coda non è visibile esternamente e hanno una cresta di peli più lunghi sul collo, ma la lunghezza e la consistenza della pelliccia va da liscia (corta o lunga) a ruvida e corta o lunga e setosa. Anche la colorazione è estremamente variabile: il mantello può essere bianco, crema, marrone chiaro, rossastro o marrone cioccolato, nero o un disegno combinato.

Come prendersi cura di un porcellino d’India

Prendersi cura di un animale domestico è un gesto di grande responsabilità. Gli animali possono ammalarsi, ferirsi e persino morire; inoltre, gli esemplari più piccoli, come appunto i porcellini d’India, non è vero che sono più facili da accudire e meno costosi dei cani o dei gatti. Prendersi cura di questi piccoli roditori richiede più tempo, energia, impegno e denaro rispetto a prendersi cura di un cane. Ecco alcuni consigli utili.

Non comprare mai un porcellino d’India, al massimo adottalo

E’ importante sottolineare che sarebbe meglio non comprare mai un porcellino d’India né nei negozi di animali né online. Il motivo? In questo modo si va ad alimentare un traffico illegale, ma se proprio si vuole avere in casa un piccolo roditore sarebbe meglio adottarlo. Il nostro consiglio è cercare associazioni rescue e volontari che si occupano di trovare una nuova casa a questi piccoli roditori, come Cavie Borgo Padova.

Il porcellino d’India è diffidente

Il porcellino d’India è un animale abbastanza diffidente, che fa fatica ad acquisire fiducia. Inoltre, ad alcuni di loro non piace essere presi in braccio dagli umani e di fronte a ciò possono reagire anche in modo aggressivo, mordendo o graffiando. (Leggi anche: Il mondo visto con gli occhi degli animali)

La pulizia 

I porcellini d’India passano molto tempo a masticare, in modo da consumare i loro denti in costante crescita. La conseguenza di ciò è che producono un’enorme quantità di rifiuti; quindi, per prendersi cura di questi animali occorre pulire il loro habitat più volte al giorno.

Il comportamento

Quando i porcellini d’India battono i denti contro una persona, è un modo per comunicare un loro fastidio o disaccordo perché magari si sta facendo qualcosa che a loro non piace, come ad esempio essere presi in braccio. Infatti, se non sono dell’umore giusto potrebbero mordere e i loro piccoli denti affilati possono addirittura causare delle ferite profonde sulla pelle.

Le zampe

Le unghie dei porcellini d’India crescono rapidamente e, a meno che non si è estremamente competenti nel tagliarle, questi animali dovranno essere portati dal veterinario circa una volta al mese. Inoltre, ricorda che si tratta di animali esotici che hanno bisogno di un veterinario specifico e specializzato, che solitamente ha un costo più elevato.

Sono abituati a stare in compagnia

Se adotti un porcellino d’India devi sapere che non è salutare per loro stare da soli. Hanno bisogno di un compagno della loro stessa specie con cui possano “parlare”, giocare e scambiarsi coccole. La compagnia è così vitale per il loro benessere che la Svizzera ha reso illegale tenerne solo uno; in più, se hai intenzione di adottare un maschio e una femmina, ricorda che il maschio deve essere castrato.

Cosa mangiano

I porcellini d’India adorano le verdure fresche, che dovrebbero mangiare sempre ogni giorno. Amano anche la frutta, ma è opportuno offrirla con parsimonia, ossia non più di un pezzetto a settimana.

Inoltre, è bene sapere che questi animali non riescono a immagazzinare vitamina C, che devono ottenere attraverso la loro dieta. Il consiglio, quindi, è scegliere del cibo fortificato con vitamina C, oppure optare per integratori specifici per porcellini d’India.

L’habitat migliore

Per creare un habitat idoneo a questi animali, non usare cedro o trucioli di pino per la lettiera in quanto sono tossici per questi roditori. Il loro habitat dovrebbe essere adeguato a ospitare almeno due porcellini d’India, ma solitamente la maggior parte delle gabbie vendute nei negozi di animali sono troppo piccole e usarle equivarrebbe a costringerli a vivere in uno spazio troppo ristretto.

Inoltre, ogni gabbia dovrebbe essere dotata di un igloo o di una piccola scatola con una porta, un grande mucchio di fieno e altre aree in cui i porcellini possono divertirsi e giocare. La maggior parte si sente più sicura quando la gabbietta è almeno parzialmente coperta da un lenzuolo o una coperta leggera. Ricordati di posizionare una bottiglia d’acqua grande o due piccole, in modo che i roditori possano idratarsi ogni volta che ne hanno bisogno. I porcellini d’India a pelo lungo devono essere pettinati delicatamente una volta alla settimana per evitare nodi dolorosi.

Se sei deciso ad adottare una coppia di porcellini d’India, e a dar loro amore e affetto e una famiglia pronta a offrigli una casa permanente ricorda che vi sono diversi gruppi di soccorso di porcellini d’India e società umanitarie che saranno felici di aiutarti a scegliere la coppia giusta.

Ti potrebbe interessare: 

 


 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook