Pet food: sai veramente cosa c’è dentro il cibo del tuo cane o gatto?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa c’è davvero negli alimenti per cani e gatti? Non solo quello che viene indicato nelle tichette. Diverse marche di cibo per animali contengono, infatti, specie animali non specificate e varie proporzioni di manzo, pollo e maiale che non corrispondono alle etichette dei prodotti.

È quanto rivela una ricerca pubblicata su Acta Veterinaria Scandinavica dai ricercatori dell’Università di Nottingham. L’uso del termine generico “carne e derivati animali” negli elenchi degli ingredienti degli alimenti per animali domestici nell’Unione europea è praticamente universale.

Ma sulla scia dello scandalo della carne di cavallo nella catena alimentare umana, il team ha voluto esaminare la presenza e l’autenticità delle proteine di origine animale nel pet food. Per questo ha eseguito test del DNA di mucca, pollo, maiale e cavallo in 17 principali alimenti umidi per cani e gatti, facilmente reperibili nei supermercati del Regno Unito.

I ricercatori hanno poi confrontato i loro risultati con le particolari specie animali che erano indicate sulle etichette degli alimenti per gli animali domestici. Il risultato? Mentre non è stato rilevato DNA di cavallo, un importante risultato è stata la relativa abbondanza di proteine di specie animali non specificate in 14 dei 17 prodotti.

Tra questi 14 campioni, mucca, maiale e pollo sono stati trovati in proporzioni e combinazioni diverse, ma senza che queste corrispondessero realmente alle etichette dei prodotti. 7 prodotti che avevano in etichetta la scritta “con carne di manzo” avevano carne di mucca tra il 14% e il 56%. Solo 2 contenevano carne di mucca oltre il 50% rispetto a quella di maiale e pollo. Dei restanti 5 campioni, tre contenevano addirittura più maiale che mucca.

Questi risultati hanno evidenziato enormi debolezze nella etichettatura dei prodotti, che potrebbero incidere negativamente sulla animali domestici, ma anche sulle aspettative dei proprietari che li acquistano. Purtroppo infatti la legge consente di scrivere ‘con carne di manzo’, anche se questa non è la carne principale.L’autore principale dello studio, Kin-Chow Chang, spiega:

Può essere una sorpresa per i clienti scoprire che ciò che viene descritto come ‘carne’ nelle scatolette potrebbe essere invece solo un ingrediente minore. Vi è la necessità per il settore del pet food di mostrare una maggiore trasparenza per i clienti nella divulgazione dei tipi di proteine animali nei loro prodotti.

Solo una completa divulgazione degli ingredienti, in effetti, consentirà scelte più consapevoli, oltre che particolarmente importanti per animali domestici con allergie alimentari.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Cibi per animali testati e prodotti cruelty free: le liste

La donna che mangia pet food per promuovere consapevolezza sugli ingredienti (VIDEO)

Croccantini per cani e gatti tossici negli Usa. Nestlé Purina patteggia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook