Lettiera per gatti ecologica, efficace e a costo zero con questi ingredienti che hai sicuramente in casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tre semplici modi per realizzare un’alternativa sana ed ecologica alla sabbia per lettiere che il tuo gatto (e il tuo portafogli) ameranno alla follia

Quando arriva a casa un gatto, gli amanti del green cercano subito alternative eco-sostenibili alla classica lettiera. Infatti le formulazioni delle sabbie per lettiera sono spesso dannose per l’ambiente e nocive anche per le persone e per il gatto. E la maggior parte va gettata nell’indifferenziata.

Oltre alle sabbie economiche che si trovano al supermercato, circolano nel mercato composti di sabbia molto elaborati e spesso molto costosi. Infatti, gli innumerevoli tipi di lettiera hanno diversi gradi di assorbimento e di capacità di agglomerazione.

Mentre una lettiera base si limita ad avvolgere a coprire gli escrementi del gatto, alcune sabbie, con aggiunta di silicio o altri prodotti come la bentonite, riescono a compattarsi anche attorno al liquido, come le urine, formando delle palline e permettendone una facile rimozione. Inoltre, per evitare i cattivi odori, l’industria dei prodotti per gatti si è ingegnata aggiungendo profumazioni e assorbi odori. Questi prodotti, sebbene utili ed efficaci, sono spesso inquinanti o nocivi per chi abita in casa. L’esposizione prolungata a materiali come il silicio può provocare la silicosi, una fibrosi polmonare che comporta problemi di respirazione e una condizione che può portare all’insorgere di tumori. Nel caso della bentonite di sodio, l’estrazione avviene nelle miniere, deturpando e danneggiando le aree naturali.

A prescindere dalla nocività, la maggior parte delle sabbie per lettiera non sono biodegradabili. Si devono buttare nel contenitore dell’indifferenziata, aumentando la quantità di rifiuti che immettiamo nell’ambiente.

Le lettiere ecologiche

Per fortuna esistono anche tante marche di lettiere ecologiche, compostabili, che si possono smaltire nel contenitore dell’organico o addirittura nel water. Tuttavia queste sabbie biodegradabili sono molto care e un pacco da 2 kg potrebbe costare anche 15 euro.

Ecco allora l’idea di realizzare una lettiera ecologica ed economica per il nostro micio. Ma come fare per creare un composto di sabbia da lettiera per gatti  che sia efficace e non provochi sporcizia e cattivi odori a casa?

Ecco tre modi facili per realizzare una lettiera bio fai da te.

Giornali, detersivo e bicarbonato di sodio

I fogli di giornale hanno un ottimo potere di assorbimento e in più sono graditi dai gatti. Tanto che una delle soluzioni più facili sarebbe quella di tritare un giornale o tagliuzzarlo finemente, mescolarlo con bicarbonato e riporlo nella lettiera.

Tuttavia per un risultato ancora più efficace consigliamo questa ricetta:

Procedimento:

Tagliuzzare il giornale in tanti pezzetti o striscioline. Immergerlo in una bacinella con acqua calda e detersivo bio. Quando avrà raggiunto una consistenza polposa, colare e fare espellere l’acqua attraverso il colino. Aggiungere due cucchiai di bicarbonato e impastare la miscela. Lasciare asciugare e, una volta asciugatosi, sbriciolare il composto fino ad ottenere una consistenza simile alla lettiera per gatti. A questo punto la lettiera biodegradabile a base di giornale, detersivo e bicarbonato è pronta!

Sabbia, segatura e pellet

lettiera gatto pellet

@natalya3081/123rf.com

Un metodo più facile e meno elaborato consiste nell’unire prodotti facilmente reperibili come sabbia da giardinaggio, segatura o pellet di paglia per lettiera di cavalli. Questi tre prodotti si possono utilizzare da soli o frammisti. Si possono fare diverse prove cercando sempre di assicurarsi che al gatto piacciano.

Per la sabbia, è meglio evitare di prendere quella naturale dalle spiagge, perché è un componente naturale dell’ambiente e alla lunga provocherebbe danni all’ecosistema. Un piccolo inconveniente della sabbia è che potrebbe attaccarsi alle zampette del gatto, per questo si consiglia di mischiarla con altri prodotti.

Mentre per la segatura è bene assicurarsi che sia di origine naturale e non trattata. Inoltre, sarà necessario eliminare eventuali schegge per evitare che il gatto si ferisca.

Per quanto riguarda i pellet per lettiera di cavalli, sono molto convenienti perché si vendono in grandi quantità e dureranno un sacco per il vostro gatto!

A prescindere dalla composizione, per controllare gli odori basterà aggiungere un cucchiaio di bicarbonato alla lettiera.

Resti di cereali macinati

Uno dei tipi di lettiera più venduti è quella di tutolo di mais. Si tratta dei resti derivanti dalla produzione agricola del mais. Quindi non sottrae nutrimento all’umanità né agli animali!

Oltre al mais macinato, però, è possibile creare lettiere vegetali per gatti anche con altri tipi di cereali o scarti derivanti da essi, come il frumento intero macinato, l’orzo o l’avena. È importante che i cereali non siano raffinati perché altrimenti diventerebbero troppo farinosi e fastidiosi per il gatto e per la casa.

Accogliere in casa un gattino è un atto bellissimo e se riusciamo  a usare materiali biodegradabili o riciclati possiamo rispettare l’ambiente senza alterare la qualità di vita degli abitanti della casa e del micio!

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook