La nuova rubrica di Matteo Viviani su GreenMe

Il Kazakistan vuole pene più severe contro maltrattamento, uccisione e consumo di animali domestici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Kazakistan discuterà un disegno di legge per il benessere animale. La nuova legge introdurrà la responsabilità personale dei proprietari di animali domestici per la vita, la salute e il benessere dell’animale e inasprirà le pene per chi commette crudeltà sugli animali e per il consumo di carne di animali domestici.

L’elenco degli animali da compagnia dovrebbe prevedere cani e gatti ma anche pappagalli, criceti e topi bianchi. Secondo la nuova legge, chi maltratterà o ucciderà – anche a scopo alimentare – le specie in elenco verrà punito con una sanzione di 1200 euro e con 50 giorni di reclusione.

Negli ultimi mesi, in Kazakistan sono aumentate le adozioni nei canili da parte di persone che hanno preso con sé gli animali allo scopo di ucciderli per consumarne la carne. Pochi mesi fa, il proprietario di un pastore tedesco ha denunciato i propri vicini di casa per il furto dell’animale che è stato poi consumato.

Da qui la necessità di nuovo disegno di legge, annunciato da Aliya Shalabekova, Ministro dell’ecologia, della geologia e delle risorse naturali del Kazakistan. Oltre a introdurre nuove sanzioni e pene più severe, la legge prevederà maggiori controlli sulle adozioni, così che si possano tracciare eventuali violazioni.

https://www.facebook.com/watch/live/?ref=watch_permalink&v=3005715873036378

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: Ortcom

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook