Le conseguenze del “fumo” sugli animali domestici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nelle unità di pronto soccorso veterinario aumentano i casi di cani (ma anche gatti e altri animali domestici) che arrivano in pessime condizioni dopo aver mangiato per sbaglio pezzi di hashish appartenenti ai padroni.

A differenza di quanto si potrebbe pensare, il fenomeno non è così raro e in alcuni casi c’è anche la riluttanza dei padroni a spiegare nei dettagli la dinamica del’incidente. Normalmente infatti, una volta arrivato al pronto soccorso, il padrone dell’animale – per paura o vergogna – non spiega nemmeno esattamente come sono andate le cose, rendendo ancora più difficile il lavoro dei veterinari.

Quali sono i rischi per la salute dell’animale?
Gli effetti sull’animale – ha detto Daniela Mignacca, direttore della Clinica veterinaria Romasud – possono variare: la droga può fungere sia da sedativo che da eccitante. Innanzitutto respirare quello passivo è più nocivo per i quattro-zampe che per gli uomini. – ha continuato Mignacca – Ma spesso capitano incidenti molto pericolosi con i cannabinoidi: in pronto soccorso riceviamo in media due o tre casi al mese di cani che hanno letteralmente inghiottito pezzi di hashish. E il problema è che spesso i proprietari non ce lo dicono“.

Ma vediamo quali sono gli effetti più visibili, così da poter riconoscere un cane che ha appena ingerito dell’hashish!
I segnali più comuni da cogliere – ha spiegato la dottoressa romana – sono comunque le pupille dilatate e l’iper-eccitazione. Se l’ingestione è recente si può procedere con una lavanda gastrica, altrimenti si forniscono ossigeno, fluidi e terapie di sostegno, grazie alle quali si spera di uscire dall’emergenza entro 24 ore“.

Per salvare il cane però, è fondamentale intervenire immediatamente, in modo tale che la sostanza stupefacente non vada troppo in giro nel corpo.
Ma oltre al problema dell’hashish – fenomeno non raro ma comunque circoscritto – ciò che preoccupa per la salute dei nostri amici a quattro zampe è anche l’effetto del fumo passivo, che – a quanto pare – provoca conseguenze molto più deleterie sui cani che non sugli adulti.

Oltre alla cannabis quindi, attenti anche alle sigarette!

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook