Adottare un gatto fa bene al cuore (e non solo). Lo dice la scienza

gatto cuore

Gatti contro la depressione. In barba a qualsiasi terapia farmacologica, solo la presenza di micio può giovare a corpo e mente, tenere lontano il cattivo umore e far bene al cuore.

Tutto merito del contatto con il pelo, che produce ossitocina, l’ormone della felicità, e che ci dona serenità. Lo sanno bene alla Fondazione Iseni e al Centro Cuore Malpensa che, se l’anno scorso avevano lanciato una pet-therapy con l’adozione gratuita di cani, partono ora, da ottobre, con una simile iniziativa proprio con i gatti.

A chi soffre di patologie cardiache verrà infatti proposta l’adozione di un cucciolo, dal cui contatto fisico si traggono benefici che riguardano anche la sfera dei disturbi stress-correlati, disturbi depressivi o sindrome ansiogena.

Non solo i cani migliorano la salute di ogni singolo componente di una famiglia, ma anche i felini, dunque, hanno dalla loro la capacità di aiutare in caso di depressione e di ansia.

I principali benefici riguardano la sfera dei disturbi stress-correlati e depressivi e la sindrome ansiogenaspiega Andrea Macchi, direttore della struttura. Il contatto con il pelo del gatto produce ossitocina, l’ormone della felicità. A differenza del cane, la difficoltà del gatto a fidarsi dell’essere umano stimola in quest’ultimo l’autocontrollo e l’impegno prolungato nella relazione. Il contatto con il pelo è piacevole e distensivo, agisce in modo positivo su battito, frequenza cardiaca e pressione arteriosa. Tutto ciò produce quindi enormi benefici a livello cardiovascolare, prolungando e migliorando quindi la vita umana”.

Abbiamo deciso di avviare, attraverso la Fondazione Iseni, dei protocolli di intesa con alcuni gattili del territorio gestiti da volontari dove vengono portati i gatti abbandonati”, il presidente Fabrizio Iseni.

5 motivi per cui un gatto in casa fa bene

Non solo ansia e depressione, i gatti in giro per casa apportano benefici su molte altre sfere.

Si dorme meglio

Chi ama i gatti è pronto a giurare che dorme sonni più miti e profondi con il proprio micio, convinzione rafforzata da uno studio della Mayo Clinic Center for Sleep Medicine in Arizona secondo cui il 41% delle persone che vivono con animali ha detto di dormire meglio grazie al proprio cane o gatto, e solo il 20% ha sonni più agitati a causa di esso. I mici in particolare sembrano garantire sonni più placidi.

Leggi anche: 1 italiano su 2 condivide il letto con cani e gatti: il nuovo rapporto Eurispes

Presenza consolante

Spesso chi vive con un gatto supera più agevolmente la perdita di una persona amata, o riesce a sfogarsi meglio: parlare con un animale, fedele e silenzioso, è a volte più liberatorio che farlo con un umano.

Cuore sano

Prendersi cura di un gatto abbassa il livello di stress e produce un effetto calmante sul cuore. Uno studio del 2008 su 4mila americani rivelò che chi ha avuto un gatto per 10 anni corre, a parità di condizioni di salute, un rischio minore del 30% di ammalarsi di cuore.

Via le allergie

I bambini che trascorrono molto tempo in compagnia di un gatto sono più protetti dalle allergie al pelo animale, da quelle agli acari, all’ambrosia e alle graminacee, e in generale dall’asma.

Leggi anche: I gatti proteggono i neonati dall’asma

;Nosce te ipsum, grazie al gatto

Molti studi psicologici sostengono che chi sceglie la compagnia di un gatto sia più introverso, sensibile e anticonformista e affidabile di chi ha invece un cane.

Leggi anche: Adottare un gatto: tutto quello che dovete sapere per assicurargli una vita felice

Germana Carillo

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

corsi pagamento

seguici su facebook