I gatti proteggono i neonati dall’asma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi ha detto che i gatti devono stare lontani dai neonati? Un nuovo studio condotto dagli scienziati danesi ha rivelato che la loro presenza non solo protegge i piccoli dall’asma ma potrebbe anche aiutarli a combattere l’obesità e il diabete.

Lo studio, condotto dal Copenhagen Studies on Asthma in Childhood Research Center (COPSAC), ha rivelato che i gatti neutralizzano l’effetto di un gene che, se attivato, raddoppia il rischio di sviluppare l’asma nei bambini. Di conseguenza, avere un gatto in casa insieme a un bambino appena nato fa sì che il gene non venga mai attivato.

Bisgaard, Jakob Stokholm e tre colleghi del COPSAC e del Næstved Hospital, hanno studiato i dati di 377 bambini danesi le cui madri soffrivano di asma.

Essi hanno mappato i geni dei bambini e hanno raccolto informazioni sulla loro educazione e sulle loro abitudini, prelevando campioni dalla casa in cui vivevano e sottoponendo i genitori a una serie di indagini.

I risultati hanno mostrato che i gatti azzerano il rischio di sviluppare l’asma nei bambini con una particolare variazione del gene 17q21, chiamato TT, responsabile dell’asma nei piccoli.

Quasi 1 bambino su 3, nello studio, aveva la variante del gene TT, indipendentemente dal fatto che la madre avesse o meno l’asma. È interessante notare che solo i gatti sembravano ridurre il rischio di sviluppare l’asma nei bambini che presentavano la variante genetica. I cani non riuscivano ad ottenere lo stesso effetto.

Non solo asma

Le analisi suggeriscono che i gatti proteggono dall’asma ma anche dalla polmonite e dalle infiammazioni nelle vie aeree inferiori dei bambini piccoli come la bronchite. Il gene 17q21 è noto per essere coinvolto in tutte e tre le condizioni.

Il risultato è sorpreso dal co-autore Hans Bisgaard, professore di pediatria e capo del COPSAC. Non perché i risultati porteranno a nuovi trattamenti – non lo faranno – ma perché lo studio dimostra che i geni dietro una malattia possono essere accesi o spenti a seconda dell’ambiente che ci circonda.

“Sembra che l’effetto sia legato a una particolare variante genica, che dimostra quanto sia complesso lo sviluppo di asma e di allergie. Non riguarda solo i geni e l’ambiente, ma come i due interagiscono, ci sono ancora tante cose che non ancora sappiamo” ha detto il dottor Arne Høst.

Saranno necessari altri studi per valutare anche che tipo di esposizione ai gatti è necessari durante l’infanzia per ridurre il rischio di asma infantile.

LEGGI anche:

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook