Smarrita per la paura dei botti in Toscana, è stata ritrovata in Emilia Romagna. Ora Gaia ha riabbracciato la sua famiglia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era fuggita la notte di Capodanno spaventatissima dai botti e dai fuochi d’articifio. Per ritrovarla si era mobilitato tutto il web e ora, finalmente, la piccola Gaia è di nuovo a casa. La storia dello smarrimento di Gaia è davvero particolare: persa in Toscana, è stata ritrovata in Emilia Romagna. Come è potuto accadere?

Un viaggio lungo due regioni

La cagnolina vive a Torrita di Siena, non lontano da Montepulciano con il suo padrone Roberto. A Capodanno Gaia scappa di casa per colpa di un petardo esploso vicino alla sua abitazione.

A quel punto la piccola si smarrisce e inizia a vagare, finendo in autostrada. Giunge così a circa 70 km da Firenze. È qui che viene trovata sotto il guard rail, spaventata, da Marco Palitta e Mirella Ricciardi, che stavano rientrando da Salerno. La coppia si ferma, recupera Gaia e chiama la polizia stradale, che interviene. I due si propongono di prendersi cura della cagnolina, promettendo di rintracciare i proprietari tramite il microchip.

Purtroppo la coppia non fa in tempo a rintracciare i padroni che il lagotto scappa di nuovo. Infatti dopo averla portata nella loro abitazione a Monteveglio di Valsamoggia infatti dei vicini scoppiano un altro botto. In un attimo Gaia non è più nel giardino. Nei giorni successivi vaga per chilometri fino a Bologna.

Il passaparola sui social

Grazie al tam tam creato su Facebook, Gaia è stata avvistata in più punti tra la Toscana e L’Emilia. Il lagotto è stato segnnalato ad d Anzola, Calderata, Borgo Panigale e persino nei pressi della tangenziale di Bologna.

La sua scomparsa è diventata una notizia virale, così da esserci stante segnalazioni sul web. Proprio grazie all’attenzione posta dagli utenti è stato possibile ritrovare Gaia. Tante persone hanno condiviso la notizia sui gruppi locali, e in tanti hanno cercato di avvicinare il lagotto senza risultati. La cagnolina è stata recuperata a Casalecchio, nei pressi di Bologna.

Un’avventura travagliata, che però vede un lieto fine: dopo 9 giorni dalla fuga Gaia è di nuovo tra le braccia del padrone.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook