Cucce per animali randagi riscaldate ad energia solare: il progetto di due studenti turchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due studenti di una scuola superiore della provincia di Kütahya, in Turchia occidentale, hanno progettato e costruito una cuccia per animali randagi che viene riscaldata utilizzando l’energia solare. Molto economico, questo rifugio può essere utile ai tanti animali randagi che si trovano ad affrontare il freddo.

Oğuz Özgür e Ahmet Ercan Kaya del liceo artistico Ahmet Yakupoğlu hanno avuto l’idea di questo progetto dopo aver visto i cani che vivono nel loro cortile di casa soffrire a causa di condizioni climatiche molto difficili.

Dopo aver ricevuto il sostegno dal loro insegnante di biologia, gli studenti hanno sviluppato queste speciali cucce che raccolgono l’energia solare e la immagazzinano in una batteria che la trasferisce poi in un tappetino sulla base della cuccia per tenere gli animali al caldo.

Un progetto nato davvero dal nulla e con pochissimi fondi. Muzaffer Efe, l’insegnante di biologia responsabile del progetto, ha dichiarato all’Anadolu Agency (AA) che gli studenti hanno preparato la bozza del progetto e raccolto i materiali necessari, aggiungendo che il costo totale del progetto era di circa 100 lire turche (19 dollari ovvero poco meno di 17 euro).

cuccia solare studenti

Efe ha detto di essere orgoglioso dei suoi studenti, aggiungendo che l’aspetto più importante non è tanto il valore tecnico del progetto quanto quello umano.

“Cerchiamo di cambiare il modo in cui le persone guardano gli animali randagi perché hanno il diritto di vivere in questo mondo tanto quanto noi”, ha dichiarato.

Non è il realtà la prima volta che un progetto del genere viene proposto. Vi abbiamo già parlato ad esempio delle cucce realizzate a partire da materiali riciclati e con tetto fotovoltaico realizzate da un’associazione di Santo Domingo per i cani di strada.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook