Cane fugge di casa e raggiunge l’obitorio dove giace la salma del suo amico umano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non ce la faceva proprio a restare rinchiuso in giardino sapendo che il suo proprietario era altrove e a Capodanno, questo collie di nome Erick è fuggito via, dopo aver scavato un passaggio. Nessuno riusciva più a ritrovarlo finché non è stato avvistato vicino all’obitorio dell’ospedale di Costa, dove giaceva la salma del suo proprietario, Flavio Franco.

La figlia di Flavio, Laura, ha dichiarato di averlo perso il primo gennaio, e di averlo cercato giorno e notte, fino al ritrovamento in ospedale. Giorni molto tristi quelli che avevano preceduto il Capodanno, durante i quali la madre di Laura aveva assistito il marito fino alla morte. La notizia si era diffusa in tutta la città di Vittorio Veneto, dove Flavio era ben conosciuto in quanto architetto molto attivo in loco, nonché consigliere comunale a sostegno di Gianantonio Da Re, candidato sindaco nel 2014.

Il collie lo aveva visto allontanarsi per la prima volta con l’ambulanza che, la vigilia di Natale, era arrivata per portarlo via. Evidentemente si era accorto che qualcosa non andava e da allora non desiderava altro che ritrovare il suo padrone.

Grazie a un gruppo facebook locale, “Animali smarriti a Vittorio Veneto e dintorni“, i familiari sono riusciti a recuperarlo dopo diverse segnalazioni che lo avevano avvistato in zona duomo, a Cozzuolo, Carpesica, Ogliano, fino a Colle Umberto, Anzano e infine presso l’ospedale di Costa.

Felicissima di averlo ritrovato, Laura ha ringraziato tutti per il prezioso aiuto sullo stesso gruppo fb:

“Abbiamo trovato Erik!!❤ vi ringraziamo tutti perché siete stati tantissimi, ad aiutarci con telefonate, messaggi, ricerche, siete stati a cercarlo di giorno e di notte, con lo stesso amore ed impegno che avreste messo per il vostro cane❤. Ci riempie il cuore di gioia. Una storia straordinaria, Erick scappato il giorno 1, ha percorso cozzuolo carpesica ogliano San fior colle anzano e trovato oggi vicino all’ospedale dove si trova il corpo di papà in attesa del funerale di domani, chissà ❤.

Per tutto quel tempo Erick aveva infatti vagato nel tentativo di scoprire dove avessero portato il suo amato amico umano, talmente desideroso di ritrovarlo da essere riuscito a raggiungere, tutto solo, l’obitorio dove giaceva la sua salma, in attesa dei funerali.

Storia che dimostra quanto gli animali siano davvero speciali, sensibili, intelligenti e capaci di amore incondizionato.

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook