Cucciolo di cane salvato da una scimmia

A Capannori “gatti sostenibili”: la campagna per incentivare l’uso di lettiere compostabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ridurre i rifiuti è sicuramente fondamentale per la salute del Pianeta, ma quando si hanno animali domestici, l’impresa diventa difficile.

I gatti in particolare, producono circa 200 kg di rifiuti indifferenziati in un anno, costituiti quasi totalmente dalla lettiera o sabbietta. Una quantità per nulla irrilevante se pensiamo che una persona produce, in totale, circa 500 kg di rifiuto residuo all’anno. Se poi si considera che in Italia i gatti domestici sono oltre sette milioni, la cifra diventa impressionante.

Un’idea per ridurre i costi ambientali di questo rifiuto non riciclabile arriva da Capannori, comune in provincia di Lucca da anni impegnato nella promozione di iniziative per raggiungere l’obiettivo “Rifiuti zero”.

La nuova campagna del comune per ridurre i rifiuti indifferenziati è rivolta proprio agli amici umani dei gatti, si chiama “Gatti sostenibili – Impronte ecologiche leggere” e partirà il prossimo ottobre.

Si tratta di un’iniziativa che punta a sensibilizzare i cittadini sull’impatto ambientale dei propri animali domestici, anche grazie alla collaborazione di veterinari. Come? Oltre a informare, il Comune ha pensato di offrire alternative più sostenibili alla classica lettiera, come quelle vegetali, biodegradabili e compostabili. Nei prossimi mesi, chi convive con un gatto potrà ritirarne una gratuitamente nei punti vendita aderenti.

Se la campagna darà buoni risultati, il comune attuerà misure per supportare i cittadini che decideranno di “convertirsi” alle lettiere biodegradabili, attraverso un sostegno economico che deriverà dal risparmio nello smaltimento, dato dall’uso di lettiere compostabili.

Leggi anche: Lettiera per gatti: come scegliere la migliore

Nel territorio comunale si stima infatti che vivano circa 1200 gatti domestici “responsabili” della produzione di oltre 250 tonnellate all’anno di rifiuti che devono essere smaltiti nell’inceneritore o nel termovalorizzatore, con conseguenti costi per il comune.

Questo nuovo progetto di riduzione dei rifiuti va a sommarsi ad altre iniziative simili del Comune di Capannori, che includono sconti sulla tariffa dei rifiuti per i bar, le gelaterie e le pasticcerie che differenziano correttamente i rifiuti e la campagna per ridurre l’uso della plastica attraverso l’installazione Case dell’acqua e la distribuzione di borracce.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: Comune di Capannori

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook