Svelato perché i cani che si smarriscono sanno sempre trovare la strada di casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cani hanno mille risorse e capacità, perlopiù conosciute dai loro amici umani ma di recente un nuovo studio ha dimostrato che quando i essi si smarriscono sono potenzialmente in grado di ritrovare la strada di casa grazie ai campi magnetici.

Si tratta di uno studio rivoluzionario che coinvolge varie università ed enti di ricerca. Tra gli autori gli scienziati dell’Università ceca di scienze della vita e del Virginia Tech. Essi hanno monitorato per tre anni le capacità di “navigazione” di 27 cani da caccia appartenenti a  10 razze diverse.

Gli animali sono stati dotati di un collare GPS e di una piccola telecamera e sono stati lasciati liberi di vagare nelle aree boschive. Dopo un po ‘, essi venivano richiamati dai loro proprietari (nascosti alla loro vista) ma dovevano capire come trovarli. I cani hanno completato 600 corse totali. Dall’analisi del loro comportamento è emerso che tutti iniziavano i loro viaggi di ritorno dai proprietari grazie a una sorta di bussola interna. La loro corsa verso casa infatti si allineava sull’asse magnetico nord-sud della Terra.

“Ci aspettiamo che i cani possano trovare la strada per il proprietario seguendo il loro percorso di ritorno dei profumi (una strategia chiamata “tracciamento”) o che possano eseguire la vera navigazione, la capacità di tornare a casa su grandi distanze senza fare affidamento su punti di riferimento basati sul percorso o informazioni acquisite durante lo spostamento, una strategia che abbiamo definito “scouting” si legge nello studio.

Lo scouting consente di prendere scorciatoie e potrebbe essere più veloce ma richiede capacità di navigazione e, a causa di possibili errori, è rischioso. Proprio questo ha convinto i ricercatori, ormai certi che i cani usino la loro capacità di rilevare i campi magnetici per spostarsi nello spazio.

cani campi magnetici

Elife

“Quando tornano dal proprietario (verso casa), i cani seguono la loro traccia in uscita (“tracciamento”) o usano una nuova rotta (“scouting “). La traccia durante lo scouting è iniziata principalmente con una breve corsa (circa 20 m) lungo l’asse geomagnetico nord-sud, indipendentemente dalla direzione effettiva verso casa. L’esecuzione di una tale “corsa della bussola” ha aumentato significativamente l’efficienza di ricerca del punto di riferimento. Proponiamo che questa corsa sia strumentale per riportare la mappa mentale con la bussola magnetica e per stabilire la direzione dell’animale” spiegano gli scienziati.

La ricerca suggerisce che il campo magnetico può fornire ai cani un quadro di riferimento” universale “, fondamentale per la navigazione a lunga distanza e probabilmente è l’anello mancante nella nostra attuale comprensione del comportamento e della cognizione del cane.

Scienza a parte, c’è da esserne contenti visto che i cuccioli sono sempre in grado di tornare da noi.

Fonti di riferimento: eLife

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook