200 cani destinati al macello salvati da un allevamento di carne in Corea del Sud

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cuccioli con lesioni e arti atrofizzati rinchiusi in anguste e minuscole gabbie. È così che la Humane Society International (HSI) ha trovato circa 200 cani rinchiusi in una fattoria di Hongseong in Corea del Sud. Tutti erano destinati al macello, ma per fortuna loro i volontari sono riusciti a salvarli.

Ferite non curate, ammassati l’uno sull’altro senza possibilità di muoversi in gabbie tenute all’esterno anche con rigide temperature. Il tutto succedeva in una sorta di fattoria coreana a circa 150 chilometri a sud della capitale Seoul, trasformata in un allevamento di cuccioli di cani, alcuni destinati al macello, altri ad essere venduti come animali domestici.

Una situazione che andava avanti ormai da otto anni e che finora non era mai stata cambiata. A salvare 200 cani tra chihuahua, bulldog francesi, Yorkshire terrier, barboncini e meticci è stata la HSI, un ente di beneficienza per animali che da anni si batte per i diritti degli amici a quattro zampe.

Così non solo i cani sono stati salvati da una fine ignobile, ma la fattoria è stata finalmente chiusa, evitando così che altre vittime innocenti, finissero nelle mani di allevatori senza scrupoli. Parliamo di cani che non avevano mai conosciuto la libertà, che non avevano mai corso felici nell’erba.

cane corea
cane corea1

Vivevano in gabbie di ferro poggiate sul cemento, esposti a lampade e senza mai vedere la luce del sole. Carne da macello, insomma, in attesa di essere servita nei ristoranti locali. L’operazione è iniziata il 13 febbraio e adesso i cani saranno trasferiti in Stati Uniti e Canada in attesa di essere adottati. Questa storia ha un bellissimo lieto fine, ma in Corea del Sud ogni anno circa un milione di cani viene mangiato. Una tradizione che indigna, ma che purtroppo continua ad esistere.

cane corea2
cane corea3

“Questi cani non sono diversi dagli altri, adesso hanno bisogno di cure amorevoli”, ha detto a AFP Kelly O’Meara, un funzionario della HSI.

cane corea4

Questa fattoria è la 14esima chiusa dal 2015 per gli stessi identici motivi.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto: AFP /GETTY IMAGES

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook