Macchinista e capotreno salvano cane randagio investito e in fin di vita sui binari in Salento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era stato investito da un treno in transito e giaceva agonizzante proprio accanto ai binari, ma la storia di questo cagnolone bianco ha un lieto fine: è stato salvato da un macchinista e il capotreno che hanno tempestivamente chiamato i soccorsi.

Succede nella tratta Lecce-Martina Franca gestita dalla ferrovie Sud Est. Il 9 gennaio scorso, un cane era stato investito da un treno in transito, ad accorgersi dell’animale agonizzante è stato per primo il macchinista del regionale 90718 partito da Lecce alle 14.36. Agonizzante e disteso per terra, il cane che stava nei pressi della stazione di Salice-Veglie, in Salento, alla vista dell’uomo aveva tentato la fuga, ma fortunatamente senza successo. Così macchinista e capotreno hanno attivato la macchina dei soccorsi. Sul posto sono arrivati Polizia Locale e i Carabinieri, oltre ai volontari dell’Ente Nazionale Protezione Animali e dell’associazione di volontariato San Francesco Amici degli Animali.

Il cane anziano e infreddolito, con la bava alla bocca e parzialmente paralizzata, è stato soccorso e portato in una struttura veterinaria di Trepuzzi, in provincia di Lecce, dove si trova attualmente, ma fuori pericolo.

Una storia che scalda il cuore, scrive Ferrovie del Sud Est su Facebook:

Ha commosso proprio tutti il gesto di un nostro macchinista e di un nostro capotreno, che il giorno 9 gennaio hanno salvato un cane, nei pressi dei binari ferroviari tra Lecce e Martina Franca.?
Grazie al buon cuore dei nostri due colleghi e alla macchina dei soccorsi che subito si è attivata, ora il nostro piccolo amico si trova al sicuro presso una struttura veterinaria, dove i veterinari si stanno prendendo cura di lui? Un bellissimo esempio di umanità e di empatia che ci rende ancora una volta fieri di avere con noi persone così

Ed effettivamente se non fosse per il cuore grande di queste due persone probabilmente per il cane non ci sarebbe stato più nulla da fare, piccoli gesti che ci fanno ancora sperare nel genere umano.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook