Se si comporta così, il tuo gatto (o il tuo cane) ha mangiato la Stella di Natale e deve essere portato subito dal veterinario 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C’è ancora qualcuno che non lo sa ed è importante ricordarlo ogni anno in prossimità delle feste: la Stella di Natale è tossica per gli animali e molto pericolosa per cani e gatti. Bisogna quindi fare estremamente attenzione che non la ingeriscano ma anche che non vi entrino in contatto con pelle o peli. Ecco i segnali che possono indicare un possibile avvelenamento da Stella di Natale.

Non è difficile sorprendere i nostri animali domestici a mangiare piante, un gesto istintivo da parte di cani e soprattutto gatti, spesso fatto con l’intento di spurgare il proprio intestino dai parassiti. Alcune piante, però, possono essere estremamente pericolose e tra queste vi è proprio la Stella di Natale, spesso presente nelle nostre case durante le festività.

Le Stelle di Natale hanno foglie tossiche e possono causare un vero e proprio avvelenamento ai nostri amici a 4 zampe. Il pericolo esiste non solo in caso di ingestione delle foglie ma anche se gli animali si sfregano contro la pianta o la annusano. Anche con questi più blandi contatti, infatti, potrebbero subire danni alla pelle, agli occhi o al pelo.

@Africa Studio/Shutterstock

I segnali nel gatto

Questi sono alcuni sintomi che i gatti presentano quando ingeriscono una sostanza tossica e che possono manifestare dopo essere entrati in contatto con la Stella di Natale:

  • Salivazione eccessiva
  • Pupille dilatate
  • Respirazione difficoltosa
  • Vomito e diarrea
  • Sete e disidratazione
  • Pelle irritata
  • Starnuti e tosse
  • Mancanza di coordinamento
  • Convulsioni o tremori
  • Debolezza o svenimento
  • Problemi gastrici
  • Incapacità di urinare
  • Sonno eccessivo

Nel caso in cui l’incidente si verifichi la sera della vigilia di Natale o comunque quando non è possibile raggiungere subito un veterinario, l’ospedale veterinario Nacho Menes di Gijón in Spagna consiglia di:

  • Non somministrargli rimedi casalinghi o farmaci senza prescrizione medica.
  • Indurre il vomito, purché il gatto non sia incosciente o vi sia una controindicazione.
  • Portarlo in un luogo ventilato e ben illuminato.
  • Spazzolare il pelo se vi è stato contatto con la pianta

@dezy/Shutterstock

I segnali nel cane

Nei cani, l’avvelenamento da Stella di Natale (ingerita o per contatto) si manifesta con sintomi quali:

  • Vomito
  • Diarrea
  • Ipersalivazione
  • Grave stanchezza o sonnolenza
  • Tremori
  • Irritazione della pelle
  • Prurito
  • Vesciche
  • Disidratazione

Sebbene nella maggior parte dei casi non sia fatale mangiare le stelle di Natale, è importante avvisare subito il veterinario e far visitare l’animale.

Se non è possibile portare subito il cane dal veterinario, l’ospedale per animali Nacho Menes consiglia di:

  • Spostare l’animale in un’area aperta e ventilata.
  • Farlo vomitare, a meno che non sia incosciente.
  • Spazzolarlo in modo da eliminare tracce della Stella di Natale rimaste sul pelo e lavarlo con abbondante acqua se il contatto è avvenuto attraverso la pelle.
  • Non usare rimedi che non sono stati raccomandati da un veterinario, non offrire cibo o liquidi finché non è ben chiara la situazione.
  • Solo se autorizzati dal veterinario, dare da bere lentamente acqua fresca.

Questi consigli sono validi in caso di avvelenamento o intossicazione (anche non causata da una Stella di Natale), teniamoli quindi sempre bene a mente.

Se vogliamo evitare ogni rischio, almeno durante le feste, possiamo tranquillamente rinunciare alla Stella di Natale a favore di altre piante o, perché no, realizzarla all’uncinetto.

Fonte: Hospedal Veterinario Nacho Menes

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook