10 divertenti motivi per cui gli animali amano il Natale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nonostante il clima di festa, alberi di Natale e decorazioni sono costantemente in pericolo. È quello che accade a casa di chi ha un animale domestico a gironzolare loro intorno.

Gatti, cani, ma anche pappagalli o scoiattoli, possono essere le creature più adorabili e innocenti del mondo, ma quando arriva Natale diventano inarrestabili.

Non ci credete? Ecco 10 divertenti motivi che dimostrano come le feste di Natale siano un periodo di ‘stragi’ domestiche e giochi sfrenati.

Date un’occhiata e raccontateci delle vostre esperienze di ‘demolizione’ natalizie.

Obiettivo: distruggere la pallina sull’albero

via GIPHY

… ma anche le campanelline

via GIPHY

Prima o poi ci salirò sopra!

via GIPHY

Ma è di plastica, controlliamo!

via GIPHY

Voglio restare tra i rami, non disturbare

via GIPHY

Quanti regali, apriamoli tutti ora!

via GIPHY

Io odio Babbo Natale, che paura

via GIPHY

Ma perché non viene giù?

via GIPHY

Pacchi, pacchetti, nastri e nastrini… tutti da mordere!

via GIPHY

Toccata e fuga… di Natale!

via GIPHY

Roberta Ragni

Photo Credit

Leggi anche:

Albero di Natale a prova di gatto in 10 mosse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook