Arrestato il proprietario di un allevamento illegale di cani che ha tagliato le corde vocali di 34 animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si è reso protagonista di un gesto terribile. Ha tagliato le corde vocali di 34 cani, detenuti all’interno di un allevamento illegale. E’ accaduto in Spagna, nei pressi di Granada. Per fortuna l’uomo è stato arrestato dalla Guardia Civile di Vegas del Genil ed è accusato di maltrattamento di animali.

Tutto è cominciato con la denuncia arrivata dal gruppo di volontari per la protezione degli animali di Vegas del Genil (Protección Animal Vegas del Genil).  Come hanno spiegato i volontari in un video pubblicato su YouTube , durante le passeggiate con i cani di cui si occupano e che ospitano nel loro rifugio, hanno sentito numerosi latrati e lamenti provenienti dall’essiccatoio.

Così hanno segnalato la vicenda al Comune che, a sua volta ha denunciato l’accaduto alla Guardia Civile.

La Polizia ha iniziato a indagare e ha scoperto che un uomo di 44 anni allevava alcuni cani in un vecchio essiccatoio per tabacco, un tipo di edificio molto comune nella pianura di Granada che circonda la capitale. Il 21 novembre, gli agenti sono entrati nel canile illegale e hanno trovato 98 cani di razze particolarmente ricercate, come Barboni, Pomerania, Chihuahua, Maltese e Spitz. Secondo la Guardia Civile, pur essendo in tanti e in uno spazio molto ristretto, gli animali erano in buona salute. Ma 34 cani avevano le corde vocali recise.

Durante l’ispezione delle strutture, gli agenti hanno scoperto che alcuni cani muovevano la bocca, ma non abbaiavano. L’uomo ha ammesso così agli investigatori di aver tagliato le corde vocali di molti dei suoi animali per evitare che il loro abbaiare rivelasse l’ubicazione della sua attività.

Purtroppo non è la prima volta che gli agenti scoprono questa pratica negli allevamenti illegali. I cani che subiscono quest’intervento sono i più anziani, meno attraenti per i potenziali acquirenti.

Adesso l’uomo rischia 18 mesi di carcere, troppo poco per il terribile gesto che ha compiuto. Intanto è partita una gara di solidarietà. Molti hanno chiesto di adottare uno dei cani:

“Stanno aspettando che il giudice ci dica cosa ne farà di loro… Ma mentre aspettate di accogliere uno di questi preziosi cagnolini di razza, ci sono centinaia di cani che aspettano elle tante associazioni e rifugi per animali abbandonati, incluso il rifugio per animali del Gruppo Volontari per la Protezione Animale di Vegas” si legge nel post dell’Associazione.

Il Consiglio comunale del comune di Granada prenderà provvedimenti in merito anche attraverso l’Associazione degli avvocati di Granada per l’ambiente e i diritti degli animali (Agmada  per denunciare questo terribile crimine.  Speriamo che l’autore di questo gesto possa essere punito.

Fonti di riferimento: Facebook.com/Proteccionanimalvegasdelgenil, Facebook/Ayuntamiento de Vegas del Genil,

LEGGI anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook