Il tuo gatto è aggressivo e poco affettuoso? Segui queste 3 semplicissime linee guida messe a punto dagli scienziati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Esperti del comportamento felino hanno scoperto che fare molta attenzione al comportamento dei gatti , al linguaggio del loro corpo e valutare dove accarezzarli sono le chiavi per migliorare la relazione con i nostri amici felini.

I gatti non godono di una buona reputazione in termini di affettuosità, e sappiamo anche che spesso non amano essere toccati o accarezzati: molti studi hanno dimostrato che l’aggressività dimostrata da questi animali nei confronti degli esseri umani, soprattutto durante l’interazione uomo-gatto, è tutt’altro che rara. (Leggi anche: Come fare amicizia con un gatto? Strizza gli occhi e sbatti le palpebre)

Per questo motivo, alla Nottingham Trent University, un team di ricercatori ha lavorato in collaborazione con un’associazione no-profit che si occupa di animali per sviluppare delle vere e proprie ‘linee guida’ per chi ha un gatto come animale domestico – rivolto soprattutto a quelle persone che hanno difficoltà a riconoscere quando l’animale apprezza o meno le coccole che gli vengono fatte. (Leggi anche: Per non farti odiare dal tuo gatto, devi assolutamente evitare di fare queste 6 cose)

I punti chiave di queste linee guida sono tre, non a caso riassunte con l’acronimo CAT – CONTROL – ATTENTION – TOUCH. In particolare:

  1. Control ovvero permettere al gatto di scegliere dove essere coccolato e dargli il ‘controllo’ dell’azione. Secondo gli autori dello studio, dare al gatto scelta e controllo è la chiave per farlo sentire felice e a suo agio nel momento delle coccole: possiamo per esempio avvicinare la mano al gatto e lasciare che sia lui a decidere se vuole o meno essere accarezzato (se è desideroso di coccole, inizierà a strofinarsi contro la mano); inoltre, dovremmo permettere al gatto di allontanarsi e andare via se ne ha abbastanza, senza provare a bloccarlo o a seguirlo – questo limiterebbe la sensazione di controllo del felino.
  2. ATTENTION, ossia fare attenzione al comportamento del gatto e al linguaggio del suo corpo. È bene prestare molta attenzione alle reazioni del gatto alle coccole. Se muove la testa o si allontana, se ruota o appiattisce le orecchie, se scuote la testa o si lecca la punta del naso, se la peluria sulla schiena si rizza o se la coda si agita repentinamente – questi sono tutti segnali che il nostro amico peloso potrebbe aver bisogno di una ‘pausa’ dalle coccole. Allo stesso modo, se il gatto si immobilizza, smette di fare le fusa o di strusciarsi sulla mano, inizia improvvisamente a pulirsi – anche in questo caso le nostre coccole sono evidentemente sgradite.
  3. TOUCH: fare attenzione alle parti del corpo che vengono accarezzate. Per quanto riguarda il ‘dove’, la maggior parte dei gatti ama essere grattato alla base delle orecchie, attorno alle guance e sotto al mento – anche se ogni gatto ha le sue preferenze, per questo è bene prestare particolare attenzione a come l’animale risponde alla stimolazione di diverse parti del corpo.

Per testare queste linee guida, i ricercatori hanno monitorato alcuni volontari nelle loro interazioni con 100 gatti domestici e hanno studiato il comportamento e la postura tenuta dai gatti durante le coccole: ogni partecipante ha avuto a che fare con sei gatti – tre prima di aver letto le linee guida e tre dopo. È emerso che i gatti hanno mostrato molto meno disagio o aggressività se le persone che li coccolavano seguivano i consigli degli esperti: gli animali sono apparti in generale meno ansiosi, frustrati o nervosi durante le interazioni con gli umani e raramente hanno adottato posture rigide.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Frontiers in Veterinary Science

Sui gatti ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook