Questa cagnolina si è lasciata morire di dolore, era stata abbandonata 4 volte dalle famiglie adottive

La triste storia di Fragolina, morta di dolore

I cani non sono cose di cui impossessarsi e liberarsi in base ai propri capricci. Ormai, complici le innumerevoli campagne di sensibilizzazione, dovremmo saperlo, eppure c’è chi continua a trattare gli animali come oggetti.

Così è successo anche a questa cagnolina di nome Fragolina, che si è lasciata morire per il dolore. Come riporta la pagina facebook dell’associazione L.I.D.A. Ciriè Valli di Lanzo, Fragolina era passata da una famiglia all’altra per ben 4 volte, semplicemente perché nessuno la voleva.

L’ultimo proprietario, che la teneva per la riproduzione, era stato contattato dall’associazione, intenzionata a riprenderla a settembre, dato che la stagione estiva è molto impegnativa per chi si occupa di volontariato con gli animali.

Ma purtroppo Fragolina non ce l’ha fatta e sebbene le cause non siano ancora accertate, secondo l’associazione che anni fa la diede in adozione a una prima famiglia, forse è stato proprio il dolore dei tanti abbandoni ad averla uccisa.

I cani non si cambiano come i vestiti dismessi, com’è abitudine di uno dei proprietari della cagnolina, dichiara l’associazione. E noi non possiamo che concordare!

A proposito di abbandoni, tutti noi possiamo fare la differenza, non solo evitando di commettere questo vero e proprio reato, ma anche partecipando a una delle tante campagne contro l’abbandono.

Segnaliamo, fra queste, #SalvaUnAmico, servizio attivo fino al 30 settembre 24 ore su 24, di Emergenza24. Tutte le informazioni sul sito ufficiale, dove trovate anche il numero da contattare se doveste imbattervi in animali feriti, abbandonati o in difficoltà.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: Facebook

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

corsi pagamento

seguici su facebook