Multa fino a 10mila euro per chi commette un gesto orribile nei confronti del proprio cane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni anno molti animali vengono abbandonati per strada. Si stima che in Italia siano lasciati in strada una media di 80mila gatti e 50mila cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti. Ma l’abbandono è un vero e proprio reato punito dal Codice penale.

I nostri amici a quattro zampe non sono giocattoli frutto di capricci e di cui, alla velocità della luce, ci si disfa. Spesso cani e gatti vengono regalati ai bambini per il compleanno, per Natale o per altre ricorrenze e in questo non ci sarebbe nulla di male, se non fosse che poi si sottovaluta che gli animali sono esseri viventi che hanno bisogno di cure, attenzioni e amore.

“Le punte massime di animali abbandonati si registrano nel periodo estivo (25-30%), quando la partenza per le vacanze pone il problema della presenza di un quattro zampe. Ma non è l’estate l’unica causa di abbandono: oltre il 30% dei cani viene abbandonato subito dopo l’apertura della stagione venatoria, perché il cane non è bravo a cacciare!”, spiega la Lav.

Altre volte si cede a un cucciolo, ma poi quando cresce non lo si vuole più e accade che con la stessa facilità con cui è stato accolto venga abbandonato su autostrade e strade trafficate. Il cane rimane lì immobile e traumatizzato e la speranza di sopravvivenza è davvero minima.
Tutto ciò, oltre a un atto moralmente sconsiderato, costituisce un reato. La Corte di Cassazione si era già espressa non soltanto sull’abbandono, ma anche sul fatto di lasciare l’animale da solo in giardino, sul balcone o addirittura chiuso in auto a lungo.

E arriviamo al Codice penale che all’articolo 727 recita:

“Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”. Le fattispecie punite, quindi, sono due: l’abbandono di animali e la loro detenzione in condizioni che contrastano con la natura e generano sofferenze.

Cosa puoi fare tu?

Se assisti a un caso di abbandono non voltarti dall’altra parte e denuncia alle forze dell’ordine i colpevoli. Ecco a chi si può segnalare:
Polizia di Stato: 113
Pronto Anas: 800841148
Arma dei Carabinieri: 112
Nuclei operativi ecologici (Noe) dei Carabinieri: 06.660351
Carabinieri forestali: 1515
Vigili del Fuoco: 115

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook